I viaggi di Roby

Agadah


Regia: Alberto Rondalli
Anno di produzione: 2017
Durata: 126'
Tipologia: lungometraggio
Genere: drammatico/storico
Paese: Italia
Produzione: RA.MO
Distributore: RA.MO
Data di uscita: 16/11/2017
Formato di proiezione: DCP, colore
Ufficio Stampa: Storyfinders / Studio Sottocorno / Way to Blue
Titolo originale: Agadah
Altri titoli: Il Manoscritto Ovvero Dix Journées De La Vie D’Alphonse Van Worden

Sinossi: Siamo nel 1815, il conte Potoski sta lavorando al suo romanzo nell’elegante dimora in cui vive. Maggio 1734, Alfonso di van Worden, giovane ufficiale Vallone al servizio di Re Carlo, ha ricevuto l’ordine di raggiungere il suo reggimento a Napoli nel più breve tempo possibile. Nonostante Lopez, suo fedele servitore, cerchi di dissuaderlo dall’attraversare l’altopiano delle Murgie, perché infestato da spettri e demoni inquietanti, si mette ugualmente in cammino. In un intreccio fantastico, tra sogno e realtà, che ricorda il Decamerone e le Mille e una Notte, Alfonso compirà un percorso iniziatico, durante dieci lunghe giornate, tra allucinazioni e magia in caverne misteriose, locande malfamate, amori scabrosi e apparizioni diaboliche. Ambientato all’indomani della Battaglia di Bitonto, che portò il Regno di Napoli sotto il dominio di Carlo di Borbone, il film, in un crescendo epico e maestoso, intreccia, tra sogno e realtà, il destino di due uomini uniti in modo indissolubile attraverso storie tra loro concatenate in una realtà popolata da briganti, zingari, forche, cabalisti e fantasmi. Alfonso non avrà mai certezza se la sua esperienza sia stata reale o solo frutto dell’immaginazione...

Ambientazione: Murge / Puglia / Basilicata / Roma / Bergamo / Puglia / Basilicata / Roma / Bergamo

Periodo delle riprese: Dal 7 settembre 2015 per 11 settimane

Libro sul film "Agadah":
"Manoscritto Trovato a Saragozza"
di Jan Potocki, 255 pp, Adelphi, collana Biblioteca Adelphi, 1965
Da una Spagna picaresca e romantica agli eldoradi del Nuovo Mondo, da un'Italia di prelati, signorotti e nobili briganti fino all'Oriente mediterraneo di duemila anni fa, in compagnia di magici personaggi e improvvise apparizioni: questo è l'universo, tanto multiforme quanto seducente, dal quale il giovane Alfonso van Worden cerca di estrarre un senso. Un grande affresco della commedia umana in cui il gioco del "romanzo nel romanzo" è specchiato all'infinito, un telaio complesso in cui un genio irregolare ha intessuto con straordinaria inventiva le storie più diverse, accostando il romanzo nero al racconto fantastico.
prezzo di copertina: 16,00


Note:
"Agadah" è liberamente tratto dal celebre “Manoscritto trovato a Saragozza” di Jan Potocki, uno dei grandi classici della letteratura polacca dell’800.
Il romanzo fu scritto in francese all’inizio del 1800 e ha avuto tra le peripezie più singolari che la storia della letteratura ricordi. “Il Manoscritto” è una serie di storie di fantasmi, intrecciate l’una nell’altra come scatole cinesi: «un decamerone nero», suggestivo e grandioso fatto di simbolismi a volte indecifrabili in cui si ritrovano tutti gli elementi del romanticismo nero. Un classico della letteratura, un’opera titanica e a tratti inafferrabile che fu portata sullo schermo solo una volta dal polacco Wojciech Jerzy Has nel 1964 e che tanto affascinò Luis Buñuel.


Video


Foto