Seeyousound - International Music Film Festival
I viaggi di Roby
Cinema Aquila

L’Uomo dalla Bocca Storta


Regia: Emanuele Timothy Salce, Andrea Pergolari
Anno di produzione: 2009
Durata: 57'
Tipologia: documentario
Genere: biografico
Paese: Italia
Produzione: Baires Produzioni
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Formato di proiezione: Beta SP PAL, colore e bianco/nero
Ufficio Stampa: Red Agency
Titolo originale: L’Uomo dalla Bocca Storta
Altri titoli: Tha Man with the Crooked Mounth

Recensioni di :
- "L'Uomo dalla Bocca Storta", lo splendido ritratto di uno dei più poliedrici artisti italiani: Luciano Salce

Sinossi: L’uomo dalla bocca storta è Luciano Salce, regista, attore ed autore satirico, tra i più importanti del Novecento italiano. Il ritratto di Luciano Salce è un viaggio che ha inizio a Feltre, davanti alla sua tomba… Accompagnati con discrezione ed ironia dal figlio Emanuele, siamo introdotti nei primi difficili anni di vita di Luciano Salce: la morte della madre poco dopo il parto, l’infanzia e l’adolescenza vissuti in collegio a Frascati, la reclusione nei campi di prigionia tedeschi (prima Norimberga, poi Dachau) durante la seconda guerra mondiale. Avversità che hanno progressivamente costruito la personalità di Luciano, capace di sviluppare una maschera d’ironia come filtro della propria sensibilità. Un’ironia che è diventata ben presto il carattere saliente anche in campo artistico: iscrittosi, dopo gli studi in collegio, all’Accademia d’Arte Drammatica, Salce mostrerà precise doti umoristiche come regista ed attore teatrale, prima in Italia e poi in Brasile, dove emigrerà all’inizio degli anni ’50. Poi, a metà dello stesso decennio, il ritorno in Italia, il debutto in cinema come regista e come attore, il successo in tv e radio come monologhista satirico ante-litteram, la definizione di una espressività caustica e beffarda, anche se sempre tra le difficoltà di una vita mai troppo generosa.
A raccontarci tutto questo sono colleghi, parenti ed amici di Luciano Salce, ognuno con una testimonianza del lato pubblico o privato dell’uomo e dell’artista: il fratello Guido ricorda gli anni della giovinezza; Franca Valeri e Paolo Ferrari descrivono e commentano l’esperienza dei Gobbi, teatro da camera antesignano del moderno cabaret; Giorgio Albertazzi e Franco Giacobini intervengono sulla formativa attività teatrale del regista e attore; Ennio Morricone, Erico Menczer, Roberto Leoni, Antonio Siciliano ci portano dietro le quinte della lunga frequentazione cinematografica di Salce, di cui lo storico Alberto Pezzotta ci dà un preciso quadro critico; Catherine Spaak, Orchidea De Santis, Jaja Fiastri, Pippo Franco ed ancora Giacobini ci raccontano, dal loro punto di vista, successi ed insuccessi, gioie e dolori di Salce al cinema: quelli de Il federale, La voglia matta, Colpo di stato, Basta guardarla; Antonello Falqui, Lelio Luttazzi ed Enrico Vaime aiutano a portare allo scoperto l’attività televisiva e radiofonica di Salce; Paolo Villaggio e Lino Banfi dicono la loro sui due film di Salce ormai diventati titoli di culto: Fantozzi e Vieni avanti cretino.
Ma il vero protagonista del film è proprio Luciano Salce che, durante tutto l’arco del racconto, interviene, commenta, sbeffeggia se stesso e la propria attività, grazie all’inserimento nel documentario di un prezioso e quasi inedito materiale di repertorio.

Ambientazione: Feltre (BL) / Mondragone (CE) / Roma

"" è stato sostenuto da:
Regione Lazio


Libri correlati:
"Luciano Salce. Una Vita Spettacolare"
di Andrea Pergolari, Luciano Salce, 482 pp, Edilazio, collana Ritratti d'Autore, 2009
Libro + DVD del documentario "L'Uomo dalla Bocca Storta"
È il regista dei primi due capitoli della saga di Fantozzi, ha lanciato Ugo Tognazzi tra i protagonisti della commedia all’italiana, è stato per oltre vent’anni uno dei volti più simpatici e conosciuti della tv ed una delle voci più sarcastiche della radio. Ha al suo attivo oltre cinquanta film, come regista ed interprete, ha frequentato per tutta la vita i palcoscenici teatrali, come commediografo, regista, attore. Era uno spirito libero ed irriducibile, un intellettuale colto e spiritoso, un umorista leggero e pungente. Tutti attributi che possono fare cortocircuito in un paese come il nostro, dove troppo spesso la cultura è associata alla noia, l’umorismo alla superficialità, l’intelligenza alla pedanteria, la leggerezza alla frivolezza… Salce non aveva tessere di partito e sapeva e voleva ridere di tutto, senza distinzioni, manicheismi, obiezioni. Era un umanista autentico e poteva permettersi di sbeffeggiare chiunque. Aveva autoironia a profusione, accanto a cultura, capacità di osservazione, senso del linguaggio: se, come autore teatrale, è tra i pochi veri satirici italiani del Novecento, come autore cinematografico è tra i capofila della commedia italiana.
Ridere su tutto, ridere di tutti: tutto questo gli ha costato un ostracismo critico insopportabile.
Il presente libro, tentando una ricostruzione della vita (avventurosa) e delle opere (notevoli, per numero e qualità) di Luciano Salce, vuole essere un primo passo verso la necessaria riconsiderazione critica di un uomo di spettacolo fondamentale nel Novecento itaiano.

prezzo di copertina: 22,00


Note:
I materiali presenti nel documentario sono tratti dall'archivio della famiglia Salce e dagli archivi della Rai e dell'Istituto Luce.

Video


Foto