Prato Citta Aperta - Concorso Cinematografico e Aufiovisivo
I viaggi di Roby

17/05/1954
Cerlongo (MN), Italia

Francesco Frigeri


Filmografia dal 2000:
2017 » La Musica del Silenzio: scenografia
2017 » doc Raffaello - Il Principe della Arti in 3D: scenografia
2016 » I Medici: scenografia
2016 » La Cena di Natale: scenografia
2016 » Non c'è più Religione: scenografia
2015 » Il Professor Cenerentolo: scenografia
2015 » Io Che Amo Solo Te: scenografia
2014 » I Nostri Ragazzi: scenografia
2014 » Si Accettano Miracoli: scenografia
2013 » Sole a Catinelle: scenografia
2013 » Something Good: scenografia
2013 » Un Fantastico Via Vai: scenografia
2012 » Venuto al Mondo: scenografia
2011 » Finalmente la Felicità: scenografia
2011 » L'Industriale: scenografia
2011 » L'Uomo Gallo: scenografia
2011 » Ti Amo Troppo per Dirtelo: scenografia
2010 » Amici Miei - Come Tutto ebbe Inizio: scenografia
2010 » La Bellezza del Somaro: scenografia
2009 » Il Caso dell'Infedele Klára: scenografia
2009 » Il Grande Sogno: scenografia
2009 » Io & Marilyn: scenografia
2008 » I Demoni di San Pietroburgo: scenografia
2007 » I Viceré: scenografia
2007 » Mio Fratello è Figlio Unico: scenografia
2007 » Una Moglie Bellissima: scenografia
2006 » N - Io e Napoleone: scenografia
2005 » Il Ritorno del Monnezza: scenografia
2005 » Ti Amo in Tutte le Lingue del Mondo: scenografia
2004 » Non Ti Muovere: scenografia
2003 » Il Paradiso all'Improvviso: scenografia
2002 » Il Gioco di Ripley: scenografia
2002 » Perdutoamor: scenografia
2001 » Il Principe e il Pirata: scenografia
2001 » Vajont: scenografia
2000 » Malèna: scenografia

Biografia:
Sin dall’infanzia presenta una forte inclinazione artistica, in particolar modo per ciò che riguarda la pittura e l’arte della rappresentazione. Al liceo si iscrive all’Istituto d’Arte Dal Prato di Guidizzolo. La posizione geografica favorevole dell’istituto e la sua lunga e prestigiosa tradizione artistica fa sì che l'istituto d'arte Del Prato sia un punto di riferimento per le città di Mantova e Brescia. Frequenta l’indirizzo di decorazione e arredamento, dove le lezioni si dividono in una parte teorica e disegno tecnico, e una parte di pratica come tecnica dell’affresco e doratura. Finito l’Istituto d’Arte valuta inizialmente la possibilità di iscriversi all’Accademia di Belle Arti di Milano, cambiando infine idea e iscrivendosi al D.A.M.S. di Bologna. Qui frequenta il corso di Cinema e Spettacolo dove ha modo di seguire i corsi tenuti da importanti critici e addetti al settore come: Umberto Eco, Polidori, Barilli, Giuliani e Marotti. Nelle scelte dei corsi facoltativi predilige quelli a carattere cinematografico e in particolare di scenografia. Frequenta il corso di scenografia di Gianni Polidori.
I quattro anni di D.A.M.S. gli conferiscono così cognizioni di cinema e teatro; frequenta corsi di scenografia, storia dell’arte, storia del teatro e regia. La competenza e la serietà dei docenti porta Frigeri a confrontarsi con le avanguardie del tempo senza tralasciare il senso del dovere e responsabilità trasmessagli dall’obbligo di frequenza dei corsi e dai rigidi metri di valutazione. Il rapporto instauratosi con Polidori, e le conversazioni che avrà con lui lo porteranno ad un accentuato interesse per la scenografia, teatrale e cinematografica. Solo in un secondo momento, dopo l’incontro con Nanni Loy, professore presso il D.A.M.S. per il corso d Storia del Cinema, capisce che la sua strada è la scenografia cinematografica.
Frigeri ha l’occasione di lavorare, come assistente scenografo di Mario Chiari, con lui collabora a: La Certosa di Parma di Mauro Bolognini, La pietra del paragone di Eduardo de Filippo, Il lebbroso di Giancarlo Menotti, Cristoforo Colombo di Alberto Lattuada, Chiaro di donna di Costantin Costa-Gavras
Grazie a queste grandi produzioni di ricostruzioni storiche ottiene un colloquio come scenografo presso Massimo Troisi e Roberto Benigni per il film Non ci resta che piangere. Questo film rappresenta per Frigeri il passaggio alla maturità professionale, nonostante la giovane età ha un curriculum notevole con molte esperienze di ricostruzione scenografica e collaborazioni con i più grandi registi del momento.
(ultima modifica: 07/09/2012)