OFF - Ortigia Film festival
I viaggi di Roby
locandina di "Il Mestiere delle Armi"

Cast

Interpreti:
Hristo Jivkov (Joanni de Medici)
Desislava Tenekedjieva (Maria De Medici)
Sandra Ceccarelli (Nobildonna di Mantova)
Sergio Grammatico (Federico Gonzaga)
Dimitar Ratchkov (Lucantonio Cuppano)
Sasa Vulisevic (Pietro Aretino)
Aldo Toscano (Loyso Gonzaga)
Fabio Giubbani (Matteo Cusastro)
Giancarlo Belelli (Alfonso d'Este)
Vittorio Corcelli (Frate Domenicano)
Francesca Lonardelli (Cortigiana di Federico Gonzaga)
Paolo Magagna (Francesco Maria Della Rovere, Duca di Urbino)
Nikolaus Moras (Generale Frundsberg)
Ralph Palka (Soldato Alemanno)
Franco Palmieri (Paolo Giovio)
Paolo Roversi (Blaise de Monluc)
Claudio Tombini (Mercante)
Michele Zattara (Scudiero di Giovanni De Medici)
Bruno Bendoni

Sceneggiatura:
Ermanno Olmi

Musiche:
Fabio Vacchi

Montaggio:
Paolo Cottignola

Costumi:
Francesca Livia Sartori

Scenografia:
Luigi Silvio Marchione

Effetti:
Marcello Buffa
Pasquale Catalano (II)
Massimo Ciaraglia
Fabio Traversari

Fotografia:
Fabio Olmi

Suono:
Francesco Liotard

Casting:
Enrico Marrari

Aiuto regista:
Enrico Marrari
Federica Ciciarelli

Produttore:
Alexander Metodiev
Carlo Macchitella
Roberto Cicuti

Key Make Up Artist:
Giulio Pezza

Il Mestiere delle Armi


Regia: Ermanno Olmi
Anno di produzione: 2000
Durata: 105'
Tipologia: lungometraggio
Genere: avventura/azione/storico
Paese: Italia/Francia/Germania
Produzione: Cinemaundici, Rai Cinema, Studio Canal, KirchMedia
Distributore: Mikado Film
Data di uscita: 11/05/2001
Formato di proiezione: 35mm, colore
Ufficio Stampa: Mikado Ufficio Stampa
Vendite Estere: StudioCanal
Titolo originale: Il Mestiere delle Armi
Altri titoli: Le Mtier des Armes

Sinossi: Nelle campagne presso Mantova un gentiluomo, inviato dal generale Della Rovere duca d'Urbino, porta la notizia al marchese Gonzaga: "Messer Giovanni de' Medici stato colpito da una botta di falconetto in una gamba". Vengono approntate cure immediate, ma ben presto risulta evidente che non possibile fermare la lenta agonia dell'uomo che dopo quattro giorni muore. Giovanni ha 28 anni. Mentre si preparano i funerali, a ritroso vengono ripercorsi gli avvenimenti pi recenti: Giovanni nel suo ruolo di capitano dell'armata pontificia intenta alla campagna contro i Lanzichenecchi di Carlo V. L'obiettivo dell'armata di impedire al nemico di passare il P, in caso contrario, dopo quell'ostacolo, la strada per Roma sarebbe spianata. Il marchese Gonzaga si impegnato con Papa Clemente VII e la Serenissima di Venezia a collaborare per contrastare l'avanzata degli invasori. Ma appena pum, per convenienza, offre protezione al Generale Frundsberg e ai suoi uomini. Anche Alfonso d'Este, duca di Ferrara, all'ultimo momento cede alle convenienti offerte di Carlo V e in pi, per mostrargli gratitudine, fornisce in segreto alle truppe tedesche quattro esemplari di uno strumento nuovissimo: il falconetto affustato su ruote, cio la "bombarda con palla da due libbre". Nella notte del 23 novembre Giovanni apprende che la guarnigione tedesca ha trovato riparo presso il Serraglio di Mantova. Il giorno dopo l'imbarcazione con i falconetti approda a Mantova ed I fanti tedeschi si dispongono in posizione. Comincia a nevicare e tutti pensano ad una sospensione dei combattimenti. Giovanni per vuole vedere in faccia il generale nemico, e ordina di prepararsi. Nelle ombre della notte riconosce Frundsberg, anziano e malato. I due si salutano, poi Giovanni d il segnale d'attacco. Quasi subito le bocche da fuoco cominciano a sparare. Giovanni capisce subito che la battaglia impari, e quando viene colpito alla gamba deve ritirarsi. Ed ecco di nuovo il letto, l'agonia, la morte. Intanto i Lanzichenecchi attraversano l'Italia e arrivano a Roma. Nel 1572 la citt del Papa viene completamente devastata.

Ambientazione: Mantova / Ferrara / Soncino (Cr) / Bulgaria

Note:
Pellicola realizzata con il sostegno del Fondo Eurimages del Consiglio d'Europa-

Video


Foto