I Viaggi Di Roby
locandina di "Il Commissario RicciardI"

Cast

Interpreti:
Lino Guanciale (Commissario RicciardI)
Antonio Milo (Maione)
Enrico Ianniello (Dr. Bruno Modo)
Serena Iansiti (Livia)
Maria Vera Ratti (Enrica)
Nunzia Schiano (Rosa Vaglio)
Mario Pirrello (Garzo)
Fabrizia Sacchi (Lucia Maione)
Adriano Falivene (Bambinella)
Marco Palvetti (Falco)
Peppe Servillo (Don Pierino)
Francesca Della Ragione

Soggetto:
Maurizio De Giovanni (Romanzi)
Salvatore Basile
Viola Rispoli

Sceneggiatura:
Maurizio De Giovanni
Salvatore Basile
Viola Rispoli
Doriana Leondeff

Musiche:
Pasquale Catalano (I)

Montaggio:
Emiliano Bellardini

Costumi:
Alessandra Torella

Scenografia:
Carlo De Marino

Fotografia:
Davide Sondelli

Suono:
Giuseppe Angelelli

Casting:
Claudia Morotti
Adele Gallo
Massimiliano Pacifico

Aiuto regista:
Manuel Carlucci

Produttore:
Giusy Buondonno (Rai)
Walter Ingrassia (Rai)
Fania Petrocchi (Rai)
Massimo Martino
Gabriella Buontempo

Story Editor:
Andrea Ozza

Supervisione alla Produzione:
Andrea Ozza

Organizzatore Generale:
Giorgio Innocenti

Organizzatore Generale:
Gianni Mariani

Direttore di Produzione:
Mauro Maggioni

Direttore di Produzione:
Dariusz Kubik

Direttore Artistico:
Gabriella Buontempo

Il Commissario RicciardI


Director: Alessandro D'Alatri
Year of production: 2021
Durata: 100' x 6 ep.
Tipology: film-tv
Genres: giallo/storico
Country: Italia
Produzione: Clemart, Rai Fiction
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di proiezione: HD, colore
Press office: Rai Fiction
Titolo originale: Il Commissario RicciardI

Recensioni di :
- IL COMMISSARIO RICCIARDI - Omicidi e fantasmi nella Napoli anni '30

Storyline: Dal fortunatissimo ciclo di romanzi di Maurizio de Giovanni, tradotti in tutto il mondo, le indagini del commissario Ricciardi, una delle più innovative figure di detective del poliziesco italiano. Napoli, 1932. Luigi Alfredo Ricciardi ha trent’anni ed è commissario della Mobile. Catturare gli assassini è la vocazione e l’ossessione di Ricciardi, che si porta dentro un terribile segreto, una maledizione ereditata dalla madre: vede il fantasma delle persone morte in modo violento. Come si può invitare una donna a condividere la vita con un uomo tormentato dai fantasmi dei morti, che gli sussurrano per giorni e giorni il loro ultimo pensiero? Per questo Ricciardi si dedica in modo totalizzante al suo lavoro, indagando sui casi più spinosi e complicati. Gli manca la maggior parte degli strumenti usati oggi per risolvere i delitti, ma è dotato di straordinarie doti intuitive, di un’ossessiva tenacia ed è come guidato dalle ultime parole delle vittime, che sembrano sollecitarlo a cercare giustizia. Ricciardi è circondato da un’aura di mistero, che allontana i suoi colleghi: sia il diretto superiore, Garzo, sia i subordinati. Uniche eccezioni, il brigadiere Maione e il medico legale Modo, suoi stretti collaboratori: di loro si fida e li considera suoi amici. La sua solitudine, che divide con l’anziana tata Rosa, è scalfita dall’incontro con due donne, diverse ma ugualmente affascinanti. Una, Enrica, incarna la quieta normalità degli affetti familiari cui Ricciardi aspira; l’altra, Livia, rappresenta la sensualità e la passione, da cui si sente attratto. Quale delle due riuscirà a fare breccia nel cuore del commissario? Una potente contaminazione di generi - poliziesco, mistery e soprannaturale - per un racconto coinvolgente che, sullo sfondo di una Napoli in chiaroscuro, indaga sul senso ultimo della vita e del dolore.

Ambientazione: Taranto / Napoli / Isola di Procida / Portici (NA) / Capua (CE) / Castelvolturno (CE) / Nocera Inferiore (SA)

Periodo delle riprese: Dal 23 maggio 2019 per 28 settimane

"Il Commissario RicciardI" è stato sostenuto da:
Regione Campania (Programma POC - Potenziamento della Promozione Turistica e Valorizzazione dell'Immagine della Campania attraverso le Produzioni Audiovisive DGRC 236/19)
Film Commission Regione Campania
Regione Puglia (POR Puglia 2014/2020)
Apulia Film Commission: 831.679,95 euro (Apulia Film Fund)
Unione Europea
Comune di Napoli (Ufficio Cinema)
Cohousing Cinema Napoli
Comune di Portici
Comune di Taranto
Taranto Capitale di Mare
MIBACT


Note:
La serie TV è tratta dai romanzi della serie de “Il Commissario Ricciardi” di Maurizio de Giovanni, editi da Giulio Einaudi Editore.

I PERSONAGGI

LUIGI ALFREDO RICCIARDI
Cilentano, commissario di Polizia nella Napoli degli anni ’30. Una capacità investigativa fuori dal comune, basata sulla comprensione delle vite e delle passioni umane e su una profonda empatia. La sua strana dote (che nessuno conosce): vedere l’ultimo istante delle vittime di morte violenta e ascoltare il loro ultimo pensiero. Una maledizione che lo ha costretto a chiudere le porte all’amore. Vive una vita solitaria, accudito dalla vecchia tata, Rosa, che lo ama come se fosse un figlio.

ENRICA
Abita nel palazzo di fronte a quello di Ricciardi. Giovane, slanciata, dai lineamenti delicati e di una bellezza non appariscente, ama Ricciardi, anche se lo vede solo attraverso la finestra del suo appartamento. Con silenzioso pudore, attende la prima mossa del commissario e, intanto, gli è fedele, come gli fosse promessa. A nulla valgono le insistenze di sua madre che si ostina a presentarle nuovi pretendenti nel tentativo di darle marito. Enrica sa che Ricciardi la ama, anche se non capisce per quale motivo non si faccia avanti. Il suo confidente e alleato è suo padre, l’unico ad aver intuito l’amore silenzioso che la lega al misterioso dirimpettaio.

LIVIA
Bellissima, affascinante soprano ritiratasi dalle scene, Livia si traferisce a Napoli dopo aver conosciuto Ricciardi in occasione dell’indagine condotta dal commissario sull’omicidio di suo marito, il celebre tenore Arnaldo Vezzi. Livia vuole conquistare Ricciardi ad ogni costo ed è sicura di riuscirci per via della sua bellezza travolgente e del suo carattere volitivo. Ben inserita nel jet set romano, vanta amicizie potenti tra gli esponenti del regime fascista: è una donna abituata a ottenere tutto, ma nasconde una profonda fragilità.

ROSA
È la vecchia tata di Ricciardi, che lo ha visto nascere e crescere. Lo ha accudito sin da piccolo e se ne è fatta carico dopo la morte della madre, che di fatto glielo ha affidato. Si ostina a preparargli pesanti cene cilentane e lo incita a trovarsi una moglie, perché una brava ragazza dovrà pur occuparsi del suo “figlioccio” quando lei non ci sarà più.

RAFFAELE MAIONE
Brigadiere, è l’ombra fidata di Ricciardi. Alto, grosso, un po’ goffo, è un uomo dal cuore d’oro e dalla battuta sagace. Ha nel cuore il dolore più grande: la morte del figlio primogenito, Luca, agente di polizia ucciso in servizio. Una perdita che ha portato il dolore e il silenzio nella sua famiglia, perché sua moglie Lucia da quel giorno ha smesso di sorridere. Maione, però, riuscirà a cambiare le cose.
Ammira Ricciardi per come conduce le indagini e per l’empatia chi lo anima e gli è profondamente devoto. Fu proprio il commissario a scovare i colpevoli della morte del figlio e a rivelargli che Luca lo amava tanto da dedicargli il suo ultimo pensiero. Maione non si è mai chiesto come facesse il commissario a saperlo. Ma gli ha creduto.

BRUNO MODO
Anatomopatologo, antifascista dai modi cinici, ironici e schietti. È amico fidato di Ricciardi, che stima profondamente, anche se non capisce per quale motivo il commissario conduca una vita così appartata e non sorrida quasi mai. Amante del vino e delle belle donne, non disdegna di frequentare i bordelli napoletani e non resiste a esternare battute ironiche nei confronti di Mussolini, suscitando la preoccupazione di Ricciardi. In qualità di anatomopatologo, nel corso delle indagini è un valido e fidato alleato del commissario, che ammira l’umanità e il profondo rispetto con cui “studia” i morti.

GARZO
È il diretto superiore di Ricciardi. Arrivista e legato al regime, sopporta a stento l’autonomia del commissario e la sua incorruttibilità, che lo spingono spesso a indagare su personaggi dell’alta società che lo stesso Garzo teme e ossequia, nel
tentativo di fare carriera. Allo stesso tempo, però, si ammanta dei successi del commissario per mettersi in vista con le autorità e si circonda di figure mediocri che non possano intralciarlo, come Ponte il suo servile usciere.

BAMBINELLA
“Femminiello” napoletano, è confidente fisso del brigadiere Maione che, per averlo “graziato” durante una retata, lo consulta all’occorrenza durante le indagini. Bambinella sa sempre tutto di tutti e con la sua parlantina e la sua affettuosità irriverente, che riversa sul brigadiere facendolo imbufalire, è una miniera di informazioni.


Video


Foto