I viaggi di Roby

L'Esodo


Regia: Ciro Formisano
Anno di produzione: 2016
Durata: 104'
Tipologia: lungometraggio
Genere: drammatico
Paese: Italia
Produzione: Farocinema, Stemo Production
Distributore: Stemo Production
Data di uscita: 09/11/2017
Formato di proiezione: DCP, colore
Ufficio Stampa: Manzo Piccirillo
Titolo originale: L'Esodo

Sinossi: 2012. Anno del governo tecnico Monti. Francesca, 60enne, si ritrova improvvisamente nella condizione di esodata, e quindi senza alcun reddito. Anche con Mary, la nipote che vive con lei, la situazione precipita, proprio a causa del disprezzo che l’adolescente prova per la miseria in cui sono piombate. Non trovando alcuna soluzione, dopo aver bussato a numerose porte Francesca finisce a mendicare in Piazza della Repubblica a Roma. Le persone che attraversano quotidianamente la piazza rimangono colpite dalla sua immagine, così distinta e così lontana dallo stereotipo della mendicante. Francesca incarna la nuova povertà italiana. Tenendo la nipote all’oscuro di tutto, la donna riesce a superare l’imbarazzo dei primi giorni e a conoscere diverse persone incuriosite dalla sua condizione e frequentatori della piazza. Tra questi, il tedesco Peter, uno dei primi che riesce a strapparle un sorriso e con cui intraprende una tenera amicizia; un’irriverente zingara che cerca di cacciarla per difendere “la sua zona”; Cesare, un coatto dal fare misterioso ma affidabile, che tenta di infervorare l’animo della donna, aizzandola alla protesta. Le cose si complicano però, quando una giornalista le chiede di raccontarle la sua storia.

Sito Web: https://www.facebook.com/LEsodo-175285632616496/

Note:
L’Esodo è il primo progetto cinematografico no profit che conta sull’autofinanziamento da parte degli italiani, per raccontare in un film la vicenda degli “esodati”, figli inconsapevoli e involontari della riforma Fornero. Il regista Ciro Formisano, già ideatore e curatore del tg di controinformazione tgvero.it, ha sposato la causa degli esodati e lanciato questo progetto, per sensibilizzare la partecipazione di tutti a un tema che ha colpito duramente chi già vive in condizioni disagiate e dargli un contributo concreto, devolvendo ogni ricavato del film alla comunità degli “esodati”.

Video


Foto