I Viaggi Di Roby

Through Korean Cinema


Director: Leonardo Cinieri Lombroso
Year of production: 2010
Durata: 68'
Tipology: documentario
Genres: arte/sociale
Country: Italia
Produzione: Blue Film
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Aspect Ratio: HD
Formato di proiezione: HD, colore
Press office: Storyfinders
Titolo originale: Through Korean Cinema
Altri titoli: Viaggio nel Cinema Coreano

Storyline: Negli anni '50 ci fù la divisione delle due Coree. Il sud agli Americani e il nord ai Russi. Il sud inizia così un percorso di boom economico e il nord di chiusura totale. Il cinema americano invade la Corea del sud, dando poca possibilità di distribuzione al cinema locale. Negli anni '60 nasce il New Korean Cinema, una nuova coscienza di cinema, è la nascita del cinema indipendente coreano. Tra l'80 e il '90 iniziano ad arrivare alcuni film coreani nel mercato occidentale. Negli ultimi anni si è diffuso un po' ovunque il termine hallyu (=ondata, moda, boom coreano). In Asia è stata soprattutto la soap opera e la musica pop a spopolare, in Occidente sono più che altro i film d'autore ad attrarre attenzione e successo.
Il documentario racconta la storia del cinema sud coreano attraverso la testimonianza di cinque dei registi più rappresentativi: Im Kwon-taek, Park Kwang-Su, Lee Myung-se, Lee Chang-dong, Park Chan-wook .
Un viaggio cronologico nella storia degli eventi coreani: l’invasione giapponese , la guerra delle due Coree, lo sviluppo economico, le censure, le repressioni politiche, fino ai nostri giorni.
Ogni regista intervistato segna una tappa significativa di questo percorso, lasciando come testimonianza i propri film. Cinque personaggi chiave per capire il cinema coreano di oggi. Ognuno di loro racconta le sue avventure e disavventure, la difficoltà di fare il proprio cinema.
Un viaggio nella tradizione coreana, nel mondo politico, nel sogno e nella realtà, nel cinema d’autore, nella violenza e nell’eccesso. Tutto questo per raccontare un popolo e la sua storia, la Corea del Sud. Ci guidano in questo viaggio, oltre le parole degli intervistati, le immagini dei loro film che rafforzano il racconto. Esse descrivono e animano i pensieri e le riflessioni dei nostri registi sul loro paese.
Due critici coreani (Kim young-jin, Kim so-young) e uno inglese (Tony Rayns) entrano in dettaglio sulla tecnica cinematografica dei registi, sottolineando alcuni aspetti storici e sociali che ci fanno comprendere meglio l’importanza di questi protagonisti.
Immagini di gente, luci colorate di insegne sui palazzi, metropolitane e mercati, appaiono come visioni, accompagnandoci nel documentario da un regista all’altro, lasciandoci osservare la vita della moderna società coreana.

"Through Korean Cinema" è stato sostenuto da:
Korean Air
Seoul Film Commission
Korea Film Fest
Ambasciata della Repubblica di Corea in Italia


Note:
Nel documentario sono presenti immagini tratte dai seguenti film:
- Mandala (1981) di Im Kwon-taek
- Surrogate Mother (1987) di Im Kwon-taek
- Sopjonge (1993) di Im Kwon-taek
- Chunhyang (2000) di Im Kwon-taek
- Chihwaseon (2002) di Im Kwon-taek
- Chilsu e Mansu (1989) di Park Kwang-Su
- Black Republic (1990) di Park Kwang-Su
- A Single Spark (1995) di Park Kwang-Su
- Gagman (1988) di Lee Myung-se
- First Love (1993) di Lee Myung-se
- Nowhere to Hide (1999) di Lee Myung-se
- Duelist (2005) di Lee Myung-se
- M (2007) di Lee Myung-se
- Green Fish (1997) di Lee Chang-dong
- Peppermint Candy (2000) di Lee Chang-dong
- Oasis (2003) di Lee Chang-dong
- Secret Sunshine (2007) di Lee Chang-dong
- J.S.A Joint Security Area (2000) di Park Chan-wook
- Sympathy for Mr Vengeance (2003) di Park Chan-wook
- Old Boy (2004) Symphathy for Lady Vengeance (2005) di Park Chan-wook
- Thirst (2009) di Park Chan-wook


Video


Foto