OFF - Ortigia Film festival
I viaggi di Roby

Poltrone Rosse. Parma e il Cinema


Regia: Francesco Barilli
Anno di produzione: 2014
Durata: 90'
Tipologia: documentario
Genere: sociale/storico
Paese: Italia
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di proiezione: HD, colore
Titolo originale: Poltrone Rosse. Parma e il Cinema
Altri titoli: Red Chairs. Parma and the Cinema

Recensioni di :
- VENEZIA 71 - Cinema, passione di Parma

Sinossi: Il documentario si sviluppa come una lezione di cinema, con un docente, Michele Guerra, che ci accompagna per tutto il percorso, allĺinterno del quale si susseguono le visite ai luoghi che fecero grande il cinema a Parma e le testimonianze di molti protagonisti: Bernardo Bertolucci, Vittorio Storaro, Enrico Medioli, Franco Nero, Stefania Sandrelli, Roberto Benigni, Fabrizio Gifuni, Sonia Bergamasco, Francesco Barilli, Lorenzo Baraldi, Enrico Lucherini, Francesco Rosi, Fausto Fornari, Mario Lanfranchi, Victor Poletti, Riccardo Joshua Moretti, Adriano AprÓ, Roberto Campari, Sergio Leone, Tonino Guerra, Antonio Marchi.

Ambientazione: Parma

Libri correlati:
"Poltrone Rosse e Altri Racconti"
di Francesco Barilli, 210 pp, 9788876066818, collana Cinema, 2017
L'arte per una figura poliedrica come Francesco Barilli (Parma, 1943) Ŕ come un fuoco che brucia nelle viscere di una provincia sonnacchiosa. La provincia Ŕ quella emiliana, che nasconde dietro la bonarietÓ degli abitanti l'ideologia potente e le piccole-medie imprese, una borghesia malata in maniera perversa e soffocante, che viene filmata nei suoi thriller/horror da regista come "Il profumo della signora in nero" (1974) e "Pensione paura" (1978). Il fuoco per fortuna Ŕ quello che rende viva e viscerale tutta questa materia da spaccato iperrealista della modernitÓ. PerchÚ Francesco Barilli non si limita soltanto a raffigurare in modo programmatico un senso di orrore e amoralitÓ nei confronti della vita. Delle sue immagini spesso in interni soffocanti, a volte crepuscolari per come esplicitano il crepuscolo di un'era in forma di incubo, altre volte immerse in una realtÓ buia ma ben visibile, traspare un sentimento di una condivisione del dolore e dello straniamento, aldilÓ dei contrasti dell'autore con i produttori in virt¨ della libertÓ creativa. Il suo Ŕ uno sguardo passionale inteso come istinto naturale, impossibile da reprimere.
prezzo di copertina: 14,00


  • Festival
  • Home
    video
  • Colonna
    sonora
  • Sala e TV

Video


Foto