Meno di 30
I Viaggi di Robi
locandina di "Vacanze di Guerra"

Cast


Soggetto:
Alessandro Rossetto

Sceneggiatura:
Alessandro Rossetto

Montaggio:
Patrizia Penzo

Fotografia:
Alessandro Rossetto
Paolo Rapalino
Federico Tonozzi

Suono:
Mirko Guerra
Gianluca Costamagna

Produttore:
Enrica Capra

Ricerca Archivi:
Natalie Di Giacomo

Direttore di Produzione:
Annalisa Palisca

Organizzazione Generale:
Annalisa Palisca

Organizzazione Generale:
Maura Cosenza

Vacanze di Guerra


Regia: Alessandro Rossetto
Anno di produzione: 2010
Durata: 54''
Tipologia: documentario
Genere: sociale/storico
Paese: Italia
Produzione: Graffiti Doc, Istituto Luce, Rai Tre (La Grande Storia)
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di ripresa: HDV
Formato di proiezione: HDV, colore e bianco/nero
Titolo originale: Vacanze di Guerra
Altri titoli: The Colony

Recensioni di :
- Speciale Piemonte Movie gLocal Film Festival 2011 - "Vacanze di guerra", una storia dimenticata

Sinossi: I primi giorni di giugno del 1940, mentre la valanga hitleriana sta mettendo a ferro a fuoco l’Europa, arrivano in Italia migliaia di bambini dai 6 ai 12 anni, ospiti delle colonie marine di proprietà della Gioventù Italiana del Littorio. Sono i figli di quei contadini che il regime aveva mandato in Libia, solo pochi mesi prima, a “colonizzare” la “quarta sponda” italiana. Motivo del loro viaggio: trascorrere una vacanza di un mese al mare, sulle ridenti spiagge di Cesenatico, Cattolica, Igea Marina.
10 giugno 1940. La radio diffonde in tutto il Paese il proclama di Mussolini che annuncia “l’ora delle decisioni irrevocabili”. L’Italia entra in guerra a fianco della Germania nazista. L’Europa è in ginocchio, Mussolini spera in una facile vittoria. La traversata di ritorno dei piccoli coloni è differita di mese in mese. Divisi in gruppi di duecentocinquanta – trecento, e trasferiti su treni speciali in diverse strutture di accoglienza, la loro traiettoria in Italia si incrocia senza sosta a quella dei destini della guerra, e in larga misura ne è determinata. Così, in un’Italia sicura dell’imminenza della vittoria, i bambini gonfieranno i piccoli petti nell’alzabandiera quotidiano sulle spiagge della riviera romagnola; ma, man mano che le nubi si addensano all’orizzonte, i loro spostamenti si faranno convulsi.Dai grandi alberghi requisiti della costa ligure (da Mentone a Bordighera) ai rilievi appenninici, fino alle cime nevose delle Alpi, la loro migrazione somiglierà sempre più ad una fuga di fronte ad una sconfitta che si profila inevitabile. Insieme a loro, a condividere quella precaria traversata dell’Italia in guerra, alcune decine di giovani istitutrici precettate dal regime: hanno diciotto, vent’anni. A loro toccherà l’ingrato compito di amministrare il piccolo esercito dei senza famiglia.Cibo e riscaldamento saranno sempre più scarsi; le fughe, sempre più numerose, fino alla dissoluzione finale, e alla dispersione dei gruppi in minuscole traiettorie individuali.
A ricongiungersi con le loro famiglie dopo la guerra saranno ormai degli uomini e delle donne. Per molti di loro, nessun ritorno sarà più possibile, o soltanto per contemplare le rovine di quelle che un tempo erano state le loro case. Il protettorato inglese di Libia si troverà nel dopoguerra con sorpresa a dover gestire quelle migliaia di richieste di rimpatrio di tipo sconosciuto, che mobiliteranno per mesi il Vaticano, la Croce Rossa Internazionale, il governo Italiano, l’alto commissariato per i rifugiati.
Fu una manovra per preservare quei giovanissimi dagli orrori della guerra che sarebbe scoppiata a pochi giorni dal loro arrivo? Oppure nessuno dei potenti dava il minimo significato al fatto che i figli sarebbero stati tagliati fuori da ogni contatto coi genitori per tutta la durata del conflitto? O non si trattava piuttosto di un paradossale calcolo politico?

Ambientazione: Cesenatico (FC) / Cattolica (RN) / Igea Marina (RN)

"Vacanze di Guerra" è stato sostenuto da:
Film Commission Torino Piemonte
Regione Piemonte
Piemonte Doc Film Fund (Fondo Regionale per il Documentario - Sviluppo Aprile 2008 - Produzione Dicembre 2009)
Programma Media Unione Europea


Video


Foto