Napoli Film Festival
I viaggi di Roby
Cinema Aquila
locandina di "Una Bella Giornata - Luoghi e Miti di "Ferito a Morte""

Cast

Con:
Nino Bruno
Denisia De Crescenzo
Marco Mario De Notaris
Marcella Mosca
Ariele Fiume
Aldo De Francesco

Soggetto:
Giuseppe Grispello
Raffaele La Capria (Libro)

Sceneggiatura:
Giuseppe Grispello

Musiche:
Paolo Petrella

Montaggio:
Alessandro Corradi

Costumi:
Marcella Mosca

Scenografia:
Marcella Mosca

Fotografia:
Francesca Amitrano

Suono:
Diego Liguori (Presa Diretta)
Carmine Razzano (Montaggio del Suono e Mixage)

Produttore:
Dario Formisano

Riprese:
Gennaro Visciano

Color Correction:
Simona Infante

Voce Narrante:
Roberto De Francesco

Data Manager:
Raffaello Durso

Specializzato di Ripresa:
Paride Astarita

Organizzatore Generale:
Gennaro Fasolino

Consulenza:
Silvio Perrella

Una Bella Giornata - Luoghi e Miti di "Ferito a Morte"


Regia: Maurizio Fiume, Giuseppe Grispello
Anno di produzione: 2014
Durata: 52'
Tipologia: documentario
Genere: docufiction/sociale
Paese: Italia
Produzione: Eskimo; in collaborazione con Entertainement Company
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Formato di proiezione: HD, colore e bianco/nero
Titolo originale: Una Bella Giornata - Luoghi e Miti di "Ferito a Morte"

Sinossi: Il documentario un'esplorazione dei luoghi e della temperie culturale, caratteristiche essenziali della vicenda artistica dello scrittore Raffaele La Capria e del suo romanzo Ferito a morte, considerato dalla critica uno dei capolavori della letteratura contemporanea. Il film ruota intorno a una bella giornata, una delle tante vissute da Massimo De Luca, il protagonista di Ferito a morte, che si materializza in una serie di istantanee allinterno delle quali, tempi e spazi lontani si sovrappongono e si confondono con passato, presente, ricordi, desideri, futuro. Su una bella giornata e sui luoghi e i miti di Ferito a morte, si soffermano ora evocando, ora spiegando, ora interpretando Raffaele La Capria, lautore del romanzo, e Silvio Perrella, suo esegeta.

"Una Bella Giornata - Luoghi e Miti di "Ferito a Morte"" stato sostenuto da:
MIBACT


Libro sul film "Una Bella Giornata - Luoghi e Miti di "Ferito a Morte"":
"Ferito a Morte"
di Raffaele La Capria, 1961
Ferito a Morte, secondo romanzo di Raffaele La Capria, viene pubblicato nel 1961 da Bompiani. Irrompe sulla scena letteraria italiana per la sua assolta novit sia dal punto di vista formale che sostanziale, e vince il Premio Strega. Ruota intorno alla figura del giovane Massimo De Luca, alter ego di La Capria, che ripercorre la sua vita giovanile trascorsa a Napoli, a Posillipo, e la sua decisione di lasciare il mondo marino, equoreo, istintivo fin l vissuto e abitato, e che dun tratto gli appare senza pi seduzione, da qui la scelta di partire per Roma, una destinazione dove la Storia, gli avvenimenti e la modernit appaiono pi a portata di mano a un giovane pensante come lui. Le lunghe sequenze di ogni capitolo ne fanno un romanzo corale, polifonico, con un tempo che non scorre in maniera lineare, ma procede per ricordi, rimandi, flussi di coscienza. Tempo che viene definito circolare, come il tempo che scaturisce naturalmente dai ricordi e dai pensieri. stato riconosciuto dalla critica come uno dei migliori romanzi scritti su Napoli, e si inserisce tra i capolavori italiani ed europei del 900. Riconoscibili nellopera eco e omaggi a Joyce, Proust, Virgina Wolf, Camus. Romanzo dai caratteri leopardiani, per il senso del tempo e della giovinezza che passano e non tornano pi, stato ed grande romanzo emozionale e illuminante,fulgida, lucida e completa riflessione sulla Storia e sul Destino di una citt, Napoli, appunto, come paradigma di qualunque citt del mediterraneo, in cui la Storia si arrestata e la Natura ha finito per vincere in maniera inesorabile la sua battaglia con la modernit.


Video


Foto