Sudestival 2020
I Viaggi Di Roby

I vincitori della 7a edizione di Est Film Festival


I vincitori della 7a edizione di Est Film Festival
Si conclusa ieri, domenica 28 luglio, la 7a edizione di Est Film Festival - Montefiascone con la Cerimonia di Premiazioni alla Rocca dei Papi, durante la quale la Direzione artistica e le Giurie, alla presenza degli Sponsor e delle Istituzioni, hanno annunciato i Vincitori delle tre sezioni competitive: Lungometraggi, Documentari e Cortometraggi. Sono stati assegnati inoltre il Premio del Pubblico al Miglior film tra quelli in gara votato dagli spettatori di Est Film Festival 2013 e il JazzUp Award e 1.000 euro, istituito in collaborazione con il JazzUp Festival e destinato alla Miglior colonna sonora originale di uno tra i corti presentati in concorso.

SEZIONE LUNGOMETRAGGI

Miglior film(Arco d'Oro e 7.000 euro - Premio Banca Cattolica Gruppo Creval)
Al ha gli occhi azzurri
di Claudio Giovannesi
MOTIVAZIONE DELLA GIURIA
Composta da: Andrea Purgatori Autore e Sceneggiatore, Alessandro Marinelli Regista Vincitore Arco dArgento Miglior Documentario 2012, Alberto Crespi Giornalista LUnit e Radio3, Danilo Maestosi Giornalista Il Messaggero e Direttore Cinemadelsilenzio.it e Fabio Brugnoli Ingegnere del suono
Un film capace di catturare le vite di persone reali, col rigore di uno stile che parte dal documentario e dal cinema-verita, per diventare racconto cinematografico. Fotografia impietosa e per questo potente di una societa periferica, multiculturale e marginalizzata, piena di slanci e di drammi, che ci mostra la comune radice di valori amicizia, solidarieta, rapporti familiari - al di la delle differenze etniche e religiose.

Menzione speciale della Giuria
Cosimo e Nicole
di Francesco Amato
MOTIVAZIONE DELLA GIURIA
Un film ambizioso, che racconta il disagio di una generazione che si scontra con la crisi economica e sociale e trova nellamore, nellimpegno e nel confronto con altre culture e altri mondi la forza per immaginare un nuovo progetto di vita.

Premio del Pubblico (Arco d'Argento e 2.000 euro - Premio Cantina Sociale di Montefiascone)
Cosimo e Nicole di Francesco Amato

SEZIONE DOCUMENTARI

Miglior documentario (Arco d'Argento e 2.000 euro - Premio Associazione L'Acropoli)
Pinuccio Lovero Yes I can
di Pippo Mezzapesa
MOTIVAZIONE DELLA GIURIA
Composta da: Giancarlo Breccola Scrittore, Storico e Pres. Ass. LAcropoli, Giuseppe Bellucci, Carla Cappuccini, Cinzia Capuani, Alfredo Paolo Capuani, Girolamo Di Carmine, Antonia Lucchesi, Felicita Menghini, Carla Menichelli, Mario Nardi, Rina Onorati, Alessandra Ragonesi, Daniela Ramaglioni, Lavinia Saraca, Mariolina Scavera Malvagna, Loredana Smafora e Laura Zan
Per lattenzione allimprescindibile valore dei rapporti umani e per la capacit di recuperarli anche nella deformata realt nella quale si inserisce la storia; per la leggerezza e lironia che compongono la raffinata cifra stilistica utilizzata nella presentazione dei sentimenti e delle emblematiche aspirazioni del surreale protagonista.

Menzione speciale della Giuria
Il Leone di Orvieto
di Aureliano Amadei
MOTIVAZIONE DELLA GIURIA
Per labilit con cui viene sezionato il complesso e controverso personaggio al fine di evidenziarne le caratteristiche di disonesto ciarlatano, generalmente poco percepibili al momento dellaffermazione di simili personalit.

SEZIONE CORTOMETRAGGI
Miglior cortometraggio (Arco d'Argento e 2.000 euro - Premio Universit della Tuscia)
Dea bendata
di Ivan La Ragione
MOTIVAZIONE DELLA GIURIA
Composta da: Sonia Melchiorre Docente Dipartimento Disucom Universit della Tuscia, David Sciuga, Fabio Antinucci, Cecilia Campaniello, Luca Cignini, Davide DAngelo, Andrea Della Casa, emiliano Facchini, Giorgio Graziotti e Sabrina Iannucci.
La giuria si trovata a decidere tra due corti di genere completamente diverso e ha dovuto optare per uno. Non essendo possibile lex aequo, si deciso di assegnare il premio a Dea bendata per la padronanza tecnica, per loriginalit della resa espressiva, per la capacit di trasmettere emozioni non necessariamente attraverso immagini realistiche, ma anche per la brillante regia e per quella che dovrebbe essere la caratteristica principale di un cortometraggio, ossia la finitezza del messaggio in un lasso di tempo limitato.

Menzione speciale della Giuria per la fotografia
Oroverde
di Pierluigi Ferrandini

Menzione speciale della Giuria per il soggetto
Ci vuole un fisico
di Alessandro Tamburini

JazzUp Award - Best Soundtrack e 1.000 euro
GIOVANNI ROTONDO, autore della colonna sonora del Cortometraggio Ci vuole un fisico di Alessandro Tamburini
MOTIVAZIONE DELLA GIURIA
Composta da: Giancarlo Necciari Direttore Artistico JazzUp Festival, Carlo Alibrandi, Cecilia Antinelli, Marcello Balena, Marco Brama, Mirella Di Gregorio, Ferdinando Guglielmotti, Silvia Jacopini e Massimo Quatrini.
Tale riconoscimento viene assegnato per l'estrema incisivit tematica, per la raffinatezza dell'arrangiamento, per l'efficacia del commento alla storia in tutta la sua freschezza e autoironia.

La giuria all'unanimit assegna altres una menzione di merito al compositore Gianluca Sibaldi per il corto "Margerita" di Alessandro Grande, per la bellezza dell'idea tematica e l'aspetto metamorfico dello stesso tema. Peraltro essendo il contenitore JazzUp proiettato alla promiscuit stilistica e a fornire quindi spazi e piattaforme per musiche di varia estrazione e provenienza, invita ufficialmente per la stagione estiva 2014 il regista e il compositore ad un momento di scambio, con l'intenzione di prendere spunto dall'idea del film e produrre un concerto di musica Rom.

29/07/2013, 17:09