I Viaggi di Robi
locandina di "Caccia Grossa"

Caccia Grossa


Regia: Stefano De Felici, Sara Donati
Anno di produzione: 2009
Durata: 32'
Tipologia: documentario
Genere: antropologico/sociale
Paese: Italia
Produzione: CgilWebTv, Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico
Distributore: DLQ
Data di uscita: n.d.
Formato di ripresa: DV
Camera: Canon XL-2 e Canon XL-1
Sistema di montaggio: Final Cut
Formato di proiezione: DV PAL e Digibeta, colore e bianco/nero
Titolo originale: Caccia Grossa
Altri titoli: + The Big Hunt

Recensioni di :
- "Caccia Grossa", le ragioni di scendere in piazza di ieri e di oggi

Sinossi: La crisi è vera o è inventata? Come cambiano i consumi e gli stili di vita delle persone che lavorano, che studiano, che sono in pensione? Qual’ è lil ruolo dei Media ? Come difendere il reddito e la dignità del Lavoro?
Un documentario “partecipato” che vuole distanziarsi dai classici iter produttivi delle videoproduzioni.
Creato con il coinvolgimento di decine di videomaker che hanno seguito il viaggio di andata e ritorno di migliaia di persone in occasione della manifestazione sindacale nazionale del 4 aprile 2009, “Caccia Grossa” è la voce di un movimento sociale che vuole reagire ai percorsi di esclusione sociale che l’ attuale crisi economica sta delineando.
In una nazione abituata a subire un bombardamento di disinformazione programattica, “Caccia Grossa” vuole essere un esempio di come la produzione audiovisiva può essere una risposta alla crisi.
Tramite un efficace lavoro di montaggio, che mette in parallelo le lotte sociali e sindacali degli ultimi 50 anni , il film racconta il cambiamento degli italiani in tempi di crisi.
Il taglio registico vuole sottolineare come in Italia manchi un conflitto sociale rispetto alle problematiche di una crisi che incide sensibilmente sulla qualità della vita della maggioranza dei cittadini.
Mentre nelle immagini del passato si evidenzia una reazione collettiva, di piazza, alla necessità di migliorare la propria condizione di vita sociale e professionale oggi le voci del dissenso sono isolate, confessioni personali sussurate più che cori di piazza.
Oggi non si scende più in piazza per chiedere nuovi e migliori diritti, piuttosto si tenta di non farsi sottrarre quelli già ottenuti.

Ambientazione: Treni e bus partiti da tutta Italia per arrivare a Roma

Periodo delle riprese: 4 aprile 2009

Budget: 5.000 euro

Note:
Le immagini di repertorio presenti nel documentario sono tratte dall'Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico.

Video


Foto