!Xš‚‰

TUTTO CHIEDE SALVEZZA - Sette giorni di Trattamento Obbligatorio


Una nuova serie diretta da Francesco Bruni arriva su Netflix. Sette giorni in TSO per il giovane Daniele, vittima di un violento crollo nervoso.


TUTTO CHIEDE SALVEZZA - Sette giorni di Trattamento Obbligatorio
Fotinì Peluso e Federico Cesari
Debutta su Netflix il 14 ottobre la nuova serie in sette puntate, scritta e diretta da Francesco Bruni. Sette episodi come sette giorni della settimana, i sette giorni di Trattamento Sanitario Obbligatorio (TSO) che sono anche l'ossatura del romanzo omonimo di Daniele Mencarelli, vincitore del Premio Strega Giovani 2020.

Il protagonista è il giovane Daniele, Federico Cesari, che viene ricoverato forzatamente in un istituto psichiatrico per qualcosa che, all'inizio, non ricorda neanche di aver commesso. In realtà Daniele è così intimamente insoddisfatto della sua vita, della sua famiglia e del suo lavoro. Una particolare sensibilità che lo posta a uno scatto d'ira, amplificato da alcol e cocaina, verso i suoi familiari.

La famiglia appunto è quello che, nel periodo di ricovero forzato, manca di più a Daniele ma è forse, così precisa, dimessa e integrata nel suo livello sociale, anche la causa della sua violenta reazione, una protesta verso quelle strade che la società ci impone di prendere quando apparteniamo a una precisa categoria. Il mondo che lo circonda, fatto di ingiustizie e incomprensibilità, poi, fa da amplificatore alla sua tranquilla irrequietudine, una lenta miccia fatta di episodi che lo spingono inesorabilmente verso un gesto estremo e incontenibile.

Sono i sette giorni di ricovero e i compagni con cui divide la camera in clinica a fargli riaprire gli occhi e a portarlo a vivere un'esperienza che gli darà una raddrizzata. Con i compagni di ricovero, a dividere l'esperienza del TSO ci sono gli infermieri, anche loro con caratteristiche diverse ben specifiche, i due psichiatri che hanno in cura i pazienti e una ragazza, Nina (Fotinì Peluso) anche lei vittima di una crisi psicotica e ricoverata nel reparto a fianco.

Quello di "Tutto Chiede Salvezza" è un tema molto interessante e ben trattato sin dal romanzo di Mencarelli che riesce a creare dei personaggi ricchi e credibili. Bruni li trasporta sullo schermo con grande precisione, assegnando i ruoli principali ad attori in grado di aggiungere quel qualcosa che arricchisce la serie. Questo vale sicuramente per i più maturi mentre i giovani, privi forse della necessaria esperienza, qualche volta sembrano limitati e stentano nell'aggiungere valore.

La serie di Francesco Bruni è sicuramente interessante sia per le tematiche sia per la realizzazione e al messa in scena ed è un piccolo passo avanti verso una qualità produttiva che sembra ormai indispensabile sui mercati ormai globalizzati dell'audiovisivo.

12/10/2022, 10:10

Stefano Amadio