Sudestival 2020
I Viaggi Di Roby

FESTIVAL DEI POPOLI 59 - Intervista a Francesco Fei


Il regista ci racconta la genesi e la realizzazione del documentario "La Regina di Casetta".


FESTIVAL DEI POPOLI 59 - Intervista a Francesco Fei
Una scena di "La Regina di Casetta"
Come nata l'idea per la realizzazione e la produzione di "La Regina di Casetta"?
Francesco Fei: Casetta di Tiara lho conosciuta attraverso mio padre che incuriosito da un articolo che aveva letto, mi ha proposta di andarci per una gita insieme. In effetti Casetta un posto molto particolare. Apparentemente uguale ai tanti villaggi sperduti dellAppennino. Nella realt ha dei tratti distintivi che lo rendono unico. Per quanto piccolo, fin dal medioevo stato un punto di passaggio sulla via che arrivava dallEmilia. Per questo l si creato un dialetto proprio del paese: il Casettino, forse di origini bizantine. Poi soprattutto il luogo dove si sono consumati gli unici giorni felici della storia damore fra Dino Campana e Sibilla Aleramo. Inoltre c un ristorante buonissimo che gestito dai genitori di Gregoria e questo forse il motivo principale per cui il paese rimasto abitato fino ai nostri giorni. In realt il motivo principale lesistenza della strada (costruita negli anni 50) che per quanto impervia ha permesso di mantenere un legame fra il paese e il resto del mondo.
Dette queste basi storiche e sociali, molto interessanti a livello narrativo, il fattore decisivo che mi ha fatto pensare di fare un documentario chiaramente stata la presenza di Gregoria.
Quando lho conosciuta aveva 11 anni. Il fatto che vivesse l, isolata e unica bimba allinterno di una comunit di una decina di persone adulte, la rendeva speciale. E particolare era anche il suo approccio nei confronti del mondo, in particolare con il contesto ambientale e naturale. Un aspetto che la maggior parte dei bambini, confinati oggi nelle citt, hanno completamente perso. Ho pensato che la sua era una bella storia da raccontare.
Una storia, fra laltro, con una sua scansione temporale ben precisa. Fin dalla prima volta che ho parlato con i genitori di Gregoria, era chiaro che alla fine della terza media, la famiglia si sarebbe dovuta trasferire in valle per permettere a Gregoria di andare alle scuole superiori. Questo avrebbe probabilmente portato allo spopolamento del paese. A livello narrativo avevo un inizio (il primo giorno di scuola dellultimo anno di Gregoria a Casetta) e una fine (il trasferimento). Cos abbiamo deciso di raccontare un anno di vita di Gregoria, il suo ultimo a Casetta.
Produttivamente ho ricevuto lappoggio di Sandro Salaorni di Larione 10 di Firenze. Insieme siamo riusciti a reperire i primi fondi attraverso Rai, Mibac e Filmcommission Toscana.

Come sei entrato in sintonia e come ti sei approcciato con la protagonista Gregoria?
Francesco Fei: Ho cercato di entrare in punta di piedi nella sua vita e in quella della comunit, abitando il paese, inizialmente senza girare niente. In questo sono stato molto aiutato dalla famiglia di Gregoria che fin da subito mi ha accolto nella loro vita con calore e affetto.

Si pu definire il tuo film come un "film generazionale che racconta un piccolo mondo"?
Francesco Fei: Mi piace molto questa definizione. Solo una nota a riguardo. Per quanto abbia in certi passaggi, soprattutto nel finale, un approccio molto filmico, lo definirei comunque un documentario, non un film. Per me un film rimane unopera di finzione mentre La Regina una storia vera raccontata senza mediazioni fiction.

Mi ha colpito una frase di un personaggio del film "in cento chilometri su questo montagna abitano solo 800 persone". Come stato per te essere la "801 anima"?
Francesco Fei: stato molto bello. Una vera esperienza umana, prima ancora che professionale. Per un anno, una settimana al mese, ero a Casetta ed entravo in un mondo molto particolare, calmo, quieto, poetico, molto diverso da quello a cui sono abituato a Milano. Tutte le volte che iniziavo a salire verso Casetta, sentivo di entrare in un mondo a parte. Comunque le anime straniere erano due. L801 ero io, l802 era Massimiliano Fraticelli, fonico e musicista, che mi ha accompagnato con dedizione e bravura in questa bellissima esperienza.

Nel tuo cinema ricorre sempre la ricerca di alcuni "luoghi non luoghi", come in "Armenia" ed "Archi_nature Balkans"...
Francesco Fei: Si hai ragione, anche in Onde Genova era vista come una sorta di luogo a parte, un no luogo. Ma si tratta di scelte legate alla mia sensibilit e interessi. Non certo una cosa pianificata a livello teorico o artistico

Per concludere, cosa cambiato durante il percorso di vita a Casetta di Tiara dall'idea iniziale del film alla realizzazione finale?
Francesco Fei: Come ho detto prima, fin dallinizio ho avuto chiaro quale sarebbe stato lo sviluppo narrativo del documentario. Certo in un anno le cose cambiano e le occasioni che si creano talvolta sono diverse da quelle pianificate. Di sicuro per la realizzazione finale del progetto molto importante stato il lavoro del montatore, Claudio Bonafede. Avevamo pi di 10 ore di girato ed con lui che abbiamo preso delle decisioni importanti a livello espressivo. Per esempio, abbiamo capito che non potevano permetterci di uscire dalla magia che il luogo evocava, perci abbiamo deciso di escludere quasi tutto il girato che non fosse stato realizzato a Casetta e che vedeva Gregoria e talvolta anche la famiglia vivere situazioni in paesi vicini pi grandi, come per esempio Firenzuola. Questo ha comportato rinunciare anche a situazioni molto interessanti, ma sono convinto che era la cosa giusta da fare.

03/11/2018, 19:11

Simone Pinchiorri