OFF - Ortigia Film Festival
I Viaggi Di Roby

MOSTRA DI PESARO 51 - Dal 20 al 27 giugno


La Mostra cambia direzione e si presenta con un evento speciale dedicato al cinema italiano contemporaneo e uno a P.P. Pasolini a 40 anni dalla morte.


MOSTRA DI PESARO 51 - Dal 20 al 27 giugno
Il Manifesto della 51a Mostra del Cinema di Pesaro
Si terrà dal 20 al 27 giugno 2015 la 51a edizione della Mostra internazionale del Nuovo Cinema, che si terrà al Teatro Sperimentale, Piazza del Popolo,Palazzo Gradari e Centro Arti Visive Pescheria.
Nuova la direzione artistica, affidata quest’anno a Pedro Armocida, un giovane critico del cinema, che rileverà il patrimonio filmico della Mostra, fondata da Lino Miccichè, e che ha attraversato periodi diversi in questi cinquantanni: dal periodo aureo, nel senso di formazione teorica con la presenza agli inizi degli anni Sessanta di Pier Paolo Pasolini, a cui quest’anno la Mostra dedicherà un convegno per i 40 anni dalla morte, che teorizzò la “poesia nel cinema’’, a Christian Metz, Umberto Eco, Vieri Razzini, Gian Luigi Rondi, la critica francese e americana.

Un vero e proprio coacervo del sapere teorico cinematografico, con grandi dibattiti sul significato di cinema e del suo futuro. Negli anni si sono succeduti numerosi direttori della Mostra, Muller, Aprà, Martini e Spagnoletti e quest’anno Pedro Armocida come ha sottolineato nella conferenza stampa, l’idea di esemplificare una ripartenza che vuole essere profonda e innovativa, non dimenticando il dna del passato di cui è rimasto Bruno Torri quale presidente della Mostra stessa.

Evento Speciale 2015 dedicato ai registi italiani esordienti degli ultimi cinque anni, con una particolare attenzione al lungometraggio di finzione. Sarà l’occasione per ripercorrere, attraverso un’ampia selezione di titoli, istanze e proposte del nuovo cinema italiano. La parte più articolata sarà dedicata all’ascendenza o ibridazioni documentaristiche che includono opere come "Salvo" (Fabio Grossadonia e Antonio Piazza), "Piccola patria" (Alessandro Rossetto), "L’intervallo" di Leonardo Di Costanzo, "Sette opere di misericordia" di Gianluca De Serio, "Tir" di Alberto Fasulo e altri.

Un altro aspetto che verrà preso in considerazione per i suoi aspetti innovativi è l’utilizzo di un genere classico come la commedia, a cui molti registi esordienti si rivolgono con uno sguardo diverso; da "Scialla!" a "Smetto quando voglio".
L’evento speciale si concluderà con una tavola rotonda cui parteciperanno registi, critici e altri esponenti del cinema italiano che si confronteranno sulle visioni prospettiche di fare cinema oggi nel nostro paese.

La giuria quest’anno sarà composta da studenti provenienti dalle università e scuole di cinema. Le proiezioni in piazza del Popolo, che da sempre ottengono una grande affluenza di pubblico, quest’anno verranno inaugurate dal film “Lo squalo’’ di Steven Spielberg, a quanrant’anni dalla prima proiezione negli Stati Uniti.

E quest’anno, in occasione del 40esimo dalla tragica scomparsa di Pier Paolo Pasolini, la Mostra ha in programma una serie di eventi legati agli artisti che hanno reso omaggio aon alcuni loro spettacoli a Pasolini. E’ il caso di uno dei cantautori più innovativi del panorama italiano, Pierpaolo Capovilla de Il teatro degli orrori, che porterà a Pesaro il suo reading da “La religione del mio tempo’’.

Paolo Montanari

18/05/2015, 16:13