Meno di 30
I Viaggi di Robi
locandina di "Terapia Roosevelt"

Cast

Interpreti:
Giampiero Ingrassia (Sandro)
Antonio Salines (Dottore O'Conner)
Barbara Tabita (Susanna)
Gianfranco Barra (Direttore Redazione)
Raffaele Pisu (Padre di Sandro)
Mario Maranzana (Senatore)
Adriana Russo (Segretaria Direttore)
Ruta Marina (Maga Marina)
Mirko Bruno (Ingegnere Mirko Covelli)
Adriano Giraldi (Professor Andretti)
Donatella Pandimiglio

Soggetto:
Vittorio Muscia

Sceneggiatura:
Vittorio Muscia

Musiche:
Stelvio Cipriani

Montaggio:
Francesco Malvestito

Costumi:
Stefania Del Guerra

Scenografia:
Paola Rocchi

Fotografia:
Sergio D'Offizi

Suono:
Giuliano Piermarioli

Produttore:
Enrico Delle Site

Terapia Roosevelt


Regia: Vittorio Muscia
Anno di produzione: 2006
Durata: 100'
Tipologia: lungometraggio
Genere: commedia
Paese: Italia
Produzione: P.M. Progetto Media; in collaborazione con Rai Cinema
Distributore: Progetto Media s.r.l.
Data di uscita: 01/06/2007
Formato di ripresa: 35mm
Sistema di montaggio: montaggio avid a Cinecitt 3
Post Produzione: la post produzione effettistica stata curata da Proxima
Ufficio Stampa: PM Progetto Media srl & Cinecitt 3 srl
Titolo originale: Terapia Roosevelt

Sinossi: Sandro De Vito, giornalista, lavora da circa tre anni in una emittente televisiva.
Nonostante i ripetuti sforzi, egli non riesce a vincere la sua connaturata timidezza ed evita in tutti i modi di apparire in video, di condurre programmi ed interviste, relegandosi, cos, in un ruolo di secondo piano, di collaborazione nei programmi dei colleghi.
La timidezza di Sandro De Vito, come quella che molti di noi si portano dietro per tutta la vita, frutto della paura dell'ignoto, scaturisce dal timore che inconsciamente abbiamo dell'altro, da un trauma subito durante l'infanzia.
Il nostro protagonista, nonostante percepisca l'origine psicologica del suo problema, non riesce a superarlo.
Sa bene che il suo lavoro, prima o poi, lo metter di fronte a situazioni in cui non ci sar posto per la sua timidezza.
Un bel giorno, proprio quello che accade .
Il direttore della stazione televisiva lo invita a sostituire un collega, assente per motivi di salute, per un' intervista a un eminente uomo politico; inoltre, gli impone di preparare, entro qualche settimana, un programma televisivo, da condurre in diretta.
Uscito dal colloquio con il suo diretto superiore, Sandro viene preso dal panico e non sa, assolutamente, a che santo votarsi.
La fortuna, per, gli viene incontro.
Assistendo, casualmente, al montaggio di una trasmissione televisiva sull'argomento "timidezza", egli riesce ad ottenere dalla conduttrice del programma il nome ed il numero di telefono di un noto specialista, a cui prontamente si rivolge.
Il tempo a disposizione veramente poco, ma il medico, un genialoide psicoterapeuta inglese, decide di aiutarlo ugualmente.
Per vincere il momento di panico, che sicuramente potrebbe impadronirsi di Sandro durante l'intervista all'illustre personaggio politico, lo specialista si avvale dell'ipnosi.
Sandro non vedr nell'interlocutore l'apparente supremazia del suo ruolo pubblico ed istituzionale, ma soltanto ed espressamente quello che egli : un uomo come tutti gli altri uomini. Lo immaginer nell'atto di espletare naturali esigenze fisiologiche.
E' il metodo Roosevelt!
Si racconta che Theodore Roosevelt, Presidente degli Stati Uniti, da giovane, per vincere la sua timidezza si sforzava di visualizzare il proprio interlocutore in posizioni che lo rendessero ridicolo ai suoi occhi: nudo, in mutande, ecc....
Ci lo rendeva psicologicamente pi forte, permettendogli di affrontare con maggiore sicurezza le situazioni difficili.
Il nostro genialoide psicoterapeuta enfatizza il suo metodo, ma il concetto rimane il medesimo: Sandro immaginer l'uomo politico seduto su un enorme water bianco .
Cos, egli riesce a fare la sua intervista, grazie anche alla complicit di Susanna, la segretaria di produzione, a cui confesser il suo dramma.
Anche se ha superato il primo ostacolo, Sandro deve, per, essere in grado di parlare in pubblico e di condurre una trasmissione televisiva.
Susanna lo incoraggia, ma non basta.
Ancora una volta, gli viene in aiuto il suo medico che, in questo caso, utilizza un metodo comportamentale da lui inventato e denominato: "La Spallata".
Sandro viene condotto, a sua insaputa, in un teatro e sospinto sul palcoscenico per parlare davanti al pubblico, formato da persone che con lo stesso metodo sono riusciti a vincere la loro timidezza.
Sotto i riflettori, collegato mediante un auricolare con il suo psicoterapeuta che lo consiglia su come controllare la paura e affrontare questa nuova situazione, incitato ed incoraggiato dal pubblico, Sandro riesce a raccontare la sua storia.
Questo un notevole passo avanti e viene festeggiato da tutti i presenti.
Egli avverte che sta superando la sua timidezza.
Durante un week-end fuori citt con Susanna, Sandro le fa trovare un mazzolino di fiori legato ad un aquilone che lei deve provare a far volare.

Sito Web: http://www.terapiaroosevelt.com

Ambientazione: Lago di Campagnano (RM) / Bosco del Fuscolo a Frascati (RM) / Roma (EUR)

"Terapia Roosevelt" stato sostenuto da:
Ministero per i Beni e le Attivit Culturali (MiBAC): 500.000 euro (delibera del 21 e 22 novembre 2005 - opere prime e seconde)


Note:
Film realizzato con il contributo del Ministero per i Beni Culturali e le Attivit Culturali.
Il film stato girato tra Lazio e Umbria. Il 70 % delle scene sono state girate nel teatro di posa di Ciencitt 3. Il resto delle scene, in esterni o interni al lago di Campagnano, al bosco del Fuscolo a Frascati, in un antico casale ad Est di Roma e allEur. Gli studi TV sono di TVR Voxon. Il film stato girato in pellicola kodak 35mm con materiali, macchinisti e elettricisti di Ciak Italia.
La produzione durata sei settimane di lavorazione, e altre otto di postproduzione.


Video


Foto