I Viaggi di Robi

LA RAGAZZA NELLA NEBBIA - Se il male in ognuno di noi


Un thriller tratto dal romanzo di Donato Carrisi che ne anche regista. Un cast di ottimo livello, come l'ambientazione e la scrittura. La scomparsa di una ragazzina, in un paesino di montagna, mette sotto i riflettori della cronaca poliziotti e sospettati, scatenando un male forse maggiore dell'evento stesso. Con Toni Servillo, Alessio Boni, Jean Reno, Lucrezia Guidone, Lorenzo Richelmy Preapertura della Festa di Roma, in sala dal 26 ottobre.


LA RAGAZZA NELLA NEBBIA - Se il male  in ognuno di noi
Toni Servillo e Lorenz Richelmy in "La ragazza nella nebbia"
un esperimento riuscito "La Ragazza nella Nebbia". Un film diverso, un thriller con degli attori di alto livello, da Toni Servillo alla guest star francese Jean Reno (che recita in italiano) fino ad Alessio Boni e Lorenzo Richelmy, ma anche le attirci Lucrezia Guidone, Micaela Cescon e Galatea Ranzi.

Ma la cosa importante del film la scrittura che arriva dritta dal romanzo. Anzi, una storia ricca di un passaggio in pi, cio la sceneggiatura ha dato vita al romanzo che ha poi, grazie al successo internazionale, fatto partire il film. E Donato Carrisi ha messo del buono nello script e nella regia desordio, voluta dal produttore di Colorado Maurizio Totti che ha provato a scommettere sullo stesso scrittore per trasferire il prodotto sullo schermo.

Una storia classica, una quindicenne scomparsa, un poliziotto, dei sospetti e uno psichiatra che dar una mano allo spettatore per la soluzione del caso. Lintreccio interessante e articolato anche se la linea del film corre su ununica rotaia. Nel paesino di montagna, ormai lontano dai fasti del turismo, arriva il fatto di cronaca e con questo le tv, i fotografi, i giornali. Sotto ai loro riflettori si mettono in molti; ne beneficiano i cittadini ma anche chi disposto a pagare un conto salato adesso pur di ottenere un tornaconto futuro. E qui i dubbi sulle persone cominciano a crescere, come cominciano a cambiare i caratteri dei personaggi che non sono pi quelli dellinizio.

Un film italiano che funziona, scritto e girato con gusto e capacit ma soprattutto senza pensare che gli stereotipi del nostro cinema siano intoccabili. Il pubblico poco, pochissimo ma se il motivo fosse che vuole altro?
"La Ragazza nella Nebbia" potrebbe essere un ottimo test per valutare il vero stato di salute della nostra cinematografia.

24/10/2017, 18:21

Stefano Amadio