Meno di 30
I Viaggi di Robi

LOCARNO 70 - Una sontuosa pre-apertura
al GranRex Auditorium Leopard Club


LOCARNO 70 - Una sontuosa pre-apertura al GranRex Auditorium Leopard Club
Alina Marazzi
Il 29 luglio 2017 con linaugurazione del GranRex Auditorium Leopard Club iniziata ledizione numero settanta del Festival di Locarno. Il GranRex sala cinematografica storica di Locarno tornato a piena vita dopo la ristrutturazione voluta e gestita dal Festival del Film. La fabbrica dei sogni, per tanti cinefili, fu inaugurata il 22 dicembre del 1966. Ora pronta ad accogliere ancora sogni e a far sognare. Le 450 comode poltrone erano tutte occupate da un pubblico che ha vissuto con gioia e una punta di nostalgia la serata orchestrata in chiave di amarcord con bravura dal giornalista Michele Fazioli. Diversi spezzoni di film scelti ad arte, da La Nave va a Otto e mezzo e a La rosa purpurea del Cairo hanno saputo ricreare unatmosfera di sogno e di magia.

Nel corso della serata stato proiettato alla presenza della regista il film documentario Unora sola ti vorrei della regista milanese Elina Marazzi. Nel 2002 il lungometraggio era stato presentato a Locarno nella sezione video ottenendo una menzione speciale. In seguito aveva ricevuto il premio per il miglior documentario al Film Festival di Torino. A prescindere dal valore cinematografico del lungometraggio la scelta non apparsa indovinata. Ripresentare Unora sola ti vorrei in una serata allinsegna della gioia per aver fatto rivivere una sala che appartiene alla storia di una comunit, mi sembrato come voler suonare la Marcia funebre di Chopin ad un matrimonio.
Una figlia, Alina Marazzi, ricostruisce attraverso i filmati amatoriali del nonno (il nonno della regista era il fondatore della storica casa editrice Hoepli) la vita di sua madre suicida e la segue passo passo attraverso il calvario della fatica di vivere afflitta da una depressione esistenziale che la distrugge. Una voce fuori campo a guisa di guida, immagini fisse di un diario e scene familiari narrano i momenti felici, ma soprattutto quelli tristi e disperati della giovane Lise suicidatasi, quando Alina aveva 7 anni, convinta di non essere allaltezza delle aspettative da parte della famiglia e dellamore di suo marito. Storia intima e personale del rimpianto di momenti felici scandita anche dallo struggente ritornello di Una ora sola ti vorrei, evergreen popolare del 1938 che ha segnato unepoca.

30/07/2017, 18:38

Augusto Orsi