I viaggi di Roby
Nuovo Cinema Aquila

Note di regia di "7 Minuti"


Note di regia di
Sette minuti una storia vera, accaduta in Francia, a Yssingeaux, nel 2012.

Undici donne, tra operaie ed impiegate, di nazionalit diverse, chiamate al tavolo di una trattativa di lavoro, hanno di fronte una multinazionale tessile. Materia di grandissima attualit nellEuropa di oggi, come in Francia o in Italia e non solo, se si pensa alla crisi che si aperta in questi giorni con luscita della Gran Bretagna dallUnione Europea. Undici donne, messe alla prova da unambigua offerta di rinnovo di contratto, devono decidere in poche ore il destino delle trecento colleghe che aspettano il verdetto fuori dalla fabbrica. Pur essendo questo film materia sociale di grande attualit, quello che pi mi ha intrigato il meccanismo di suspense che, assieme a Stefano Massini, abbiamo messo in scena. Perch laltro grande protagonista del film il Tempo. Il Tempo in cui in pochissime ore e in nome di quegli emblematici 7 minuti le nostre protagoniste dovranno mettersi a confronto. In una societ in cui il divario ricchi-poveri si accentua sempre di pi e il confronto sindacale o ideologico viene sempre meno, emergeranno soprattutto gli aspetti personali, i propri bisogni, il proprio ego e anche la propria disperazione. Questo film, soprattutto durante la lavorazione, mi ha fatto pensare molto a La parola ai giurati, scritto da Reginald Rose e diretto da Sidney Lumet. L, il dubbio di un giurato contro la certezza degli altri nel condannare un probabile innocente, nella nostra storia unoperaia sola contro le sue compagne, pronta a difendere con ostinazione la certezza che dietro quei 7 minuti ci sia una trappola da cui non si potr pi tornare indietro. Ultima nota: a chi aveva qualche dubbio che sarebbe stato difficile il confronto quotidiano tra un uomo solo e undici donne, voglio sottolineare, invece, che solo grazie a queste meravigliose compagne e suggeritrici questesperienza rester unica nella mia carriera artistica.

Michele Placido