Sudestival 2020

INDOVINA CHI VIENE A NATALE? - Il cinepanettone migliore?


Fausto Brizzi, dopo averne sceneggiati alcuni per De Laurentiis, esordisce alla regia di un cinepanettone, portando la sua formula 'all star' sotto l'albero. Una produzione congiunta tra Wildside e Medusa. Nel cast Diego Abatantuono, Claudio Bisio, Raoul Bova, Carlo Buccirosso, Cristiana Capotondi, Angela Finocchiaro, Claudia Gerini, Rosalia Porcaro e Isa Barzizza.


INDOVINA CHI VIENE A NATALE? - Il cinepanettone migliore?
A Natale negli ultimi anni ormai la proposta al cinema in Italia si cronicizzata: ci sono i classici cinepanettoni stile 'Boldi-De Sica', le proposte per i pi piccoli (animazione disneyana, pi che altro) e - nelle grandi citt, cercando attentamente - anche qualche piccolo film d'essai. Il 'cinepanettone' firmato da Fausto Brizzi (per la prima volta anche da regista) un tentativo di proporre un unico titolo per tutta la famiglia, che metta d'accordo chi cerca l'alto (proposto in dosi minime, per essere precisi), il basso e il familiare.

Una proposta convincente, tenuto conto delle premesse: "Indovina chi viene a Natale?" fin dal suo inizio con la parentesi musical affidata ai bambini cerca di coinvolgere anche i piccini (ma su musiche di Bennato, che piacciono ai grandi), proponendo un divertimento leggero ma non stupido (n volgare), con qualche gag slapstick (la parte iniziale riservata a Bisio ricorda un po' il Ben Stiller di 'Ti presento i miei') e qualche riflessione pi matura (tutta la parte sui disabili non certo all'altezza della riflessione sul razzismo dell'ispiratore "Indovina chi viene a cena", ma per un film di Natale ci si pu accontentare), tanti buoni sentimenti e una spruzzata di cinismo 'addolcito' dal panettone.

La storia racconta di una famiglia allargata, di tre fratelli (uno dei quali 'post-datato') che si ritrovano a Natale dopo la morte del padre, con la madre vedova, figli e nuovi fidanzati. Giulio (Diego Abatantuono) il ricco del gruppo, industriale 'benevolo' che insieme alla moglie (Angela Finocchiaro) deve fare i conti con il nuovo fidanzato della figlia (Cristiana Capotondi), un giovane molto bello (Raoul Bova) ma senza braccia dopo un incidente.
Chiara (Claudia Gerini) presenta alla famiglia e ai suoi figli il nuovo fidanzato (Claudio Bisio), che dopo una lunghissima sfilza di uomini sbagliati sembrerebbe essere quello giusto...
Antonio (Carlo Buccirosso) il figlio illegittimo riconosciuto in tarda et, presente con moglie (Rosalia Porcaro) e i tre pargoli.
A tutti loro si aggiunge la mamma, l'inconsolabile vedova Isa Barzizza.

La formula quella del cast all-star che Brizzi ha consolidato negli anni (ai citati si aggiungono Gigi Proietti, Massimo Ghini e lo stesso regista in una scena), volti familiari che possano aiutare il saltuario pubblico natalizio a sentirsi a casa anche in sala.
Qualche scena pi riuscita (come quella del ballo 'multiplo' in cui tutti minacciano il malcapitato Bisio, o i pochi minuti affidati a Proietti), qualche altra meno (il Bova disabile convince poco), ma in generale il film un classico esempio di cinema comico popolare accessibile davvero a tutti che si 'accetta' di vedere il giorno di Natale tutti insieme. Fosse questo il canone del cinepanettone italiano saremmo messi meglio... (Nota di merito per la coppia Abatantuono-Finocchiaro, che nella prima parte pi cattiva sono i veri trascinatori del film)

Due considerazioni finali. La prima: capita di rado che in Italia si sappia integrare il product placement nei film senza sconfinare nella pubblicit evidente, ma Brizzi riesce in parte a farcela (e quando non riesce, si tratta di accenni leggeri).
La seconda: spiace vedere (al momento in cui scriviamo, mattina del 24 dicembre 2013) il film di Brizzi dietro negli incassi rispetto a Neri Parenti e Leonardo Pieraccioni, che hanno proposto le solite commediole prevedibili e gi viste. La speranza per il cinema italiano, anche per quello comico e popolare, che la ricerca di una maggiore qualit venga premiata anche al botteghino...

24/12/2013, 09:46

Carlo Griseri