Meno di 30
I Viaggi di Robi

Intervista all'attore Lele Nucera


Intervista all'attore Lele Nucera
L'attore Lele Nucera
Come ha iniziato la sua carriera cinema- tografica?
Lele Nucera: Fin da piccolo sognavo di fare lattore, cos iniziai a fare rappresentazioni teatrali in Calabria programmate dal mio prof. di matematica (Ferraro), stato lui e la gente che veniva a vederci recitare a infondermi certezza. Da quel momento ho fatto veramente di tutto per intraprendere questo mestiere. La mia carriera cinematografica iniziata con il film Tornare Indietro, il regista Renzo Badolisani come si suol dire mi ha strappato dalla strada per proiettarmi nel "grande schermo".

Nel film "Tornare Indietro" ha interpretato il ruolo di Rocco Mittica, che le valso il Premio Migliore Attore Esordiente ai Globi d'Oro 2002. Ci pu parlare di questo film e del suo ruolo?
Lele Nucera: Tornare Indietro racconta principalmente il rapporto tra due giovani ragazzi cresciuti in realt completamente differenti. Stefano un ragazzo cresciuto a Torino, a causa di problemi familiari costretto a trasferirsi in un paesino della Locride dove stringe amicizia con Rocco, un giovane Calabrese appartenente ad una famiglia mafiosa. Stefano sembra essere passato da una metropoli al medioevo in una societ con regole arcaiche basate su usanze incomprensibili. Rocco Mittica un ragazzo apparentemente duro , ma come si riscontra nel finale il suo cuore grande come il suo senso di giustizia... Tutti sono stupiti e invidiosi del rapporto che si creato tra i due ragazzi, sar la sua morte a far aprire gli occhi alla gente che capir chi era realmente. Il film parla di amore amicizia poesia arte e cultura.

All'epoca delle riprese di questo film aveva dichiarato "Quando, poi, mi sono ritrovato sul set insieme a tanti attori professionisti ho capito che il "gioco" era reale e, anche se erano i "grandi" a gestirlo, dovevo fare di tutto per recitare bene la mia parte". Come la considera dopo vari anni questa sua dichiarazione?
Lele Nucera: Questa dichiarazione mi porta indietro di tanti anni,(non poi cosi tanti eh!!),proprio sul set del mio primo film. Me lo ricordo bene, era il mio primo giorno sul set ,emozionato e anche un po impaurito, ma comunque entusiasta di trovarmi l, in quel mondo fantastico che avevo sempre sognato. Ancora oggi mi ritengofortunato, perch il mestiere dellattore, se ce l hai dentro, ti permette di trasmettere alla gente le tue emozioni, girare il mondo e per qualche mese, per qualche anno, insomma per il periodo in cui giri, di essere ci che vuoi ,un contadino o un re, un egoista o un romantico, vivere e interpretare ogni volta, e quindi penetrare nellanimo umano. Per tornare alla mi esperienza personale, una cosa in particolare mi ha deluso, forse perch ero ancora un po ingenuo. Quando mi presentarono uno degli attori professionisti, lui schivo mi disse a mezza bocca :il nostro compito lo abbiamo fatto e anche bene, quindi sappi che il risultato e nelle tue mani. Quello che viene fuori da queste parole una mancanza di umilt, che a dire il vero in quel momento mi mise una grande pressione addosso e un grande senso di responsabilit, ma stata anche una lezione che mi ha fatto crescere, anche grazie ai consigli di Giorgio Faletti che ogni tanto sento tramite mail, e Renzo Badolisani che ha creduto in me fin dal primo giorno e cosi tuttora. Nel film di Calopresti ho conosciuto tanti grandi attori che stimo, e che si sono posti a me sullo stesso piano con grande umilt ad esempio Diego Abatantuono e Paolo Briguglia. Ovviamente devo la mia gratitudine al Mimmo Calopresti da cui ho tratto molti insegnamenti. Credo che ogni persona della troup vada trattata con rispetto e fiducia, perch solo attraverso la collaborazione tra ogni singolo componete che pu scaturire la riuscita di un film, come nella vita d'altronde.

"Tornare Indietro" lo considera il suo vero e proprio "trampolino di lancio"?
Lele Nucera: E stato un trampolino di lancio sicuramente per quanto riguarda la mia crescita personale, anche perch mi ha portato a fare una scelta, quella di trasferirmi definitivamente a Roma. Invece per quanto concerne la crescita professionale credo che non sia stato dato il giusto valore al film. Durante il tempo in cui giravo, mi sentivo ripetere da tutti che finito quel film mi avrebbero chiamato ad interpretare altri ruoli. Non potevo credere che la mia vita sarebbe cambiata; ho firmato il contratto e ho cominciato a girare il giorno del mio del mio diciottesimo compleanno, stato il regalo piu bello. Il film riuscito ad avere un vasto consenso dalla critica. Per buona sorte Tornare Indietro stato visionato e giudicato dalla Stampa Estera che mi ha gratificato con il Globo dOro come miglior attore esordiente. Per passare ai vari documentari, pubblicit e fiction, poi di nuovo al cinema come protagonista ne Il Germe del Melograno e LAbbuffata.

Adesso sul set del nuovo film di Calopresti, "L'Abbuffata". Che ruolo interpreta in questa pellicola?
Lele Nucera: Ne LAbbuffata di Mimmo Calopresti interpreto il ruolo di Nicola che insieme ad altri due amici decidono di fare un film!

Come stato scelto da Calopresti per questa parte?
Lele Nucera: Ho saputo che Calopresti stava preparando un film da Badolisani. Quest'ultimo mi consigliato di propormi, perch secondo lui sono adatto al ruolo.. . Cos ho telefonato personalmente a Calopresti presentandomi come un giovane attore Calabrese, la telefonata terminata con una promessa di appuntamento...
Dopo 20 giorni ho richiamato Mimmo presentandomi allo stesso modo questa volta per sono riuscito a fargli avere una mia foto anche se il mio intento era di farmi vedere di persona. Comunque ha guardato la foto suppongo e mi ha convocato per il provino. L Calopresti mi ha affidato il ruolo di protagonista.

Come considera il panorama cinematografico italiano del momento?
Lele Nucera: Questo un argomento a mio avviso troppo delicato e sottovalutato. Secondo me il Cinema Italiano ha bisogno di una variet di film piu vasto, dai film commerciali a quelli di qualit e di intrattenimento. Lunica cosa che sono veramente stanco di vedere come funzionari di qualsiasi schieramento arrivino ad influenzare sul genere di storie da raccontare, la scelta dei registi, degli attori, cosa che purtroppo accade...

Come crede si possa migliorare la distribuzione delle pellicole italiane in sala?
Lele Nucera: Il Cinema Italiano stato uno dei pi importanti del mondo, finch non si messo in mezzo il potere decisionale della politicail modo per migliorare c!!!!!

11/05/2007

Simone Pinchiorri