I Viaggi Di Roby

La Mela Rossa


Director: Giovanni Princigalli
Year of production: 2014
Durata: 20'
Tipology: documentario
Genres: docufiction
Country: Italia
Produzione: Heros Fragiles
Distributore: Les Films du 3 Mars
Data di uscita: n.d.
Formato di proiezione: DV, colore
Titolo originale: La Mela Rossa
Altri titoli: Testa e Piedi - La Pomme Rouge

Storyline: Un primo giorno di scuola, un primo amore e la scoperta del razzismo. Due ragazzini Rom interpretano loro stessi, improvvisano e reinventano il loro quotidiano, tra le baracche, l'autostrada e gli alti palazzi della periferia. La spiaggia è il loro rifugio, dove vanno ad elemosinare ma anche a giocare tra i rumori ed i suoni del mare e del vento.

Ambientazione: Bari

"La Mela Rossa" è stato sostenuto da:
Apulia Film Commission: 7.342 euro (Apulia International Film Fund)


Libri correlati:
"Quaderni Gitani"
di , 2014
Il cofanetto raccoglie 3 documentari + Libro:
1- Japigia Gagi (2003, 59’)
Opera prima di Giovanni Princigalli, premiato dalla society of visual anthropology, è un documentario realizzato vivendo per più di un anno in un campo illegale di baracche ai margini del rione Japigia di Bari: matrimoni, sogni, lotte, resistenze, diritti, vita e fine di una comunità ai margini di una periferia urbana.
2- La Mela Rossa (2014, 20’)
Una docufiction premiata ai rencontres cinématographiques de Dignes-les-Bains. Racconta di un primo giorno di scuola e di un primo amore e la scoperta del razzismo. Due ragazzini Rom interpretano loro stessi, improvvisano e reinventano il loro quotidiano, tra le baracche, l’autostrada e gli alti palazzi della periferia. La spiaggia è il loro rifugio, dove vanno ad elemosinare ma anche a giocare tra i rumori ed i suoni del vento e del mare.
3- Ligia (2014, 21’)
Ritratto di Ligia, moglie del portavoce della comunità, che racconta della figlia in prigione, della vita nei campi e del desiderio di avere un casa di 15 anni passati nelle baracche.

prezzo di copertina: 13,00


Note:
Questa breve docu-fiction, è stata girata dal regista 11 anni dopo nella stessa comunità dove realizzato il suo primo documentario, "Japigia Gagi", dove filmò tra le atre cose anche il battesimo dell'allora neonata Giuly.

Video


Foto