I viaggi di Roby
locandina di "Oggetti Smarriti"

Cast

Interpreti:
Roberto Farnesi (Guido)
Giorgia Wurth (Silvia)
Francesca Faiella (Mamma di Guido)
Chiara Gensini (Sofia)
Ilaria Patanè (Arianna)
Tatiana Luter (Teenager, Fidanzata Guido)
Michelangelo Pulci (Il Narratore)
Davide Paganini (Papà di Guido)

Soggetto:
Giorgio Fabbri

Sceneggiatura:
Giorgio Fabbri

Musiche:
Franco Eco

Costumi:
Francesca Bocca

Scenografia:
Fabio Vitale

Fotografia:
Angelo Stramaglia

Suono:
Daniele Guarnera
Stefano Agnini

Casting:
Nina Abrile

Aiuto regista:
Salvatore Allocca

Produttore:
Marco Quintili
Mirco Da Lio
Dina Balanou
Nicola De Angelis

Voce Automatica:
Giorgia Wurth

Produttore Creativo:
Giovanni Robbiano

Organizzatore Generale:
Christian Scacco

Direttore di Produzione:
Matteo Zingirian

Ispettore di Produzione:
Enrico Bonino

Coordinatrice:
Lea Milana

Trucco:
Loredana Caldarola

Oggetti Smarriti


Regia: Giorgio Molteni
Anno di produzione: 2010
Durata: n.d.
Tipologia: lungometraggio
Genere: commedia/fantasy
Paese: Italia
Produzione: Emmeservice, Ik Media, Dimisu’ Prodaction, DAP Italy
Distributore: Microcinema
Data di uscita: 11/07/2013
Post Produzione: Quentin De Fouchécout
Formato di proiezione: 35mm, colore
Ufficio Stampa: Ornato Comunicazione / Quattrozeroquattro
Titolo originale: Oggetti Smarriti

Recensioni di :
- OGGETTI SMARRITI - Chi perde qualcosa, cerca e poi trova

Sinossi: A chi non è capitato di smarrire un oggetto di uso comune, proprio quello che avevamo sotto gli occhi fino ad un attimo prima? Un orologio, un paio di occhiali, le chiavi della macchina, la macchina stessa. Un piccolo incidente di percorso quotidiano, dalla sparizione di un cacciavite alla scomparsa di una bambina, “mette in riga” Guido. Lui è un architetto quarantenne che pensa solo alle donne, alle macchine e alla bella vita, talmente superficiale da dimenticarsi di avere una figlia di sei anni, Arianna, che lo adora. Fin quando la piccola non gli sparisce letteralmente da sotto il naso.. Abbiamo a che fare con una persona sbadata, uno di quelli che abitualmente dimentica le cose? No, non è così, Guido è un razionale, un professionista, pratico, deciso, affidabile. Dapprima pensa ad uno scherzo, poi immagina che Arianna se ne sia andata, ma dove? In breve Guido arriva ad immaginare le cose più serie e spaventose per quanto improbabili.
E’ naturale che il primo passo, appurato che la soluzione non è sotto mano, sia chiamare la polizia. Solo che alla polizia hanno altro da fare che occuparsi di uno che non trova sua figlia, in casa sua, poi… Comunque per queste cose c’è un servizio apposito per il quale bisogna chiamare un altro numero… E da qui inizia il delirio di Guido ed una serie di bizzarre vicissitudini che fanno capo ad un sedicente Ufficio Oggetti Smarriti e che gli permetteranno di conoscere Sonia, la vicina di casa bella, giovane e disinvolta di cui lui non si era mai accorto prima… Chi lo mette in riga sarà colui che, dal suo mondo parallelo, gestisce la “zona” dell'Universo dove finiscono gli oggetti smarriti. Guido, ovviamente, è uno di questi. L'oggetto smarrito numero uno.

Sito Web: http://www.oggetti-smarriti.it

"Oggetti Smarriti" è stato sostenuto da:
Genova-Liguria Film Commission
Provincia di Savona


Libro sul film "Oggetti Smarriti":
"Gli Invisibili - 2000-2010. Dieci anni di cinema nascosto"
di Umberto Berlenghini, 250 pp, 2012
prezzo di copertina: 22,00

Acquistalo su € 11.90



Video


Foto