I viaggi di Roby
locandina di "Le Cose che Restano"

Le Cose che Restano


Regia: Gianluca Maria Tavarelli
Anno di produzione: 2010
Durata: 352'
Tipologia: film-tv
Genere: drammatico
Paese: Italia
Produzione: BI. BI. Film, Rai Fiction, France 2 Cinéma, MFP
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Formato di proiezione: 35mm, colore
Ufficio Stampa: Studio PUNTOeVIRGOLA
Vendite Estere: Rai Trade
Titolo originale: Le Cose che Restano
Altri titoli: Longlasting Youth

Recensioni di :
- "Le Cose Restano": un film che racconta il presente del nostro paese

Sinossi: "Le Cose che Restano" è la storia di una famiglia che si divide e di una casa che si svuota, a seguito di un evento doloroso. Ma è anche la storia di come, a poco a poco, la famiglia e la casa ritrovano vita e senso, lasciandosi abitare - e contaminare - da nuove esistenze. Nora, Andrea e Nino reagiscono con fatica e coraggio al disorientamento che li colpisce, cercando - fuori e oltre la famiglia - altri mondi, altri amori, altre spinte a vivere. Accanto ad essi si muovono i nuovi cittadini italiani, uomini e donne tra i venti e i quaranta anni, presi nel giro del lavoro che c’è e non c’è, della responsabilità e della moralità che si appannano, delle guerre che combattiamo senza dire che le combattiamo, dei popoli che vengono a noi dalla povertà e ci interrogano. È una storia che cerca di raccontare chi siamo, cosa siamo diventati, e cosa non vogliamo più essere. Così, questa famiglia che confusamente resiste e faticosamente si ricompone, si fa simbolo di un intero paese alla ricerca di una nuova identità.

Note:
Il film è l'insieme della miniserie che verrà trasmessa in quattro puntate su Rai Uno.

Video


Foto