I viaggi di Roby
locandina di "Gianni e le Donne"

Gianni e le Donne


Regia: Gianni Di Gregorio
Anno di produzione: 2010
Durata: 90'
Tipologia: lungometraggio
Genere: commedia/drammatico
Paese: Italia
Produzione: BI. BI. Film, Isaria Productions; in collaborazione con Rai Cinema
Distributore: 01 Distribution
Data di uscita: 11/02/2011
Formato di proiezione: 35mm, colore
Ufficio Stampa: Studio Nobile Scarafoni / 01 Ufficio Stampa / Claudia Tomassini & Associates
Titolo originale: Gianni e le Donne
Altri titoli: Il Sale della Vita

Recensioni di :
- I migliori film del 2011 per CinemaItaliano.info
- "Gianni e le Donne": un'attenta analisi psicologica sulla mezza età

Sinossi: Gianni, sessant’anni ben portati, è un uomo normale, diciamo così. Ha una natura mite e un’immensa capacità di sopportazione. È al servizio di sua moglie che lavora e ha mille impegni, della figlia che adora, del fidanzato della figlia, giovane nullafacente che si è piazzato in casa e che ormai lui ama come un figlio, del cane, del gatto. Dulcis in fundo, c’è sua madre, novantenne nobildonna decaduta, che si ostina a vivere nella vecchia villa alle porte di Roma facendo allegra finanza, con badanti che vanno e vengono. La sua vitarella scorre monotona fra commissioni, passeggiate con il cane e faccende domestiche, del resto è in baby pensione e di tempo ne ha fin troppo.
Un giorno, l’amico Alfonso gli fa aprire gli occhi: tutti i suoi coetanei, ma anche quelli ben più vecchi di lui, dietro la rispettabile facciata, hanno delle storie. Tutti, anche i vecchiardi che vegetano nel baretto sotto casa, hanno l’amante. Sconvolto dalla scoperta Gianni tenta di fare qualcosa. C’è Gabriella, irraggiungibile e desiderata per anni, c’è Valeria, il meraviglioso primo amore, la bellissima Cristina, badante della mamma, c’è la vicina di casa, incarnazione della bellezza e della giovinezza, ci sono le infinite donne possibili che abitano il mondo…
Gianni, come un vecchio motore che si rimette in moto produce fracasso, fumo e poco arrosto.

Ambientazione: Roma

"Gianni e le Donne" è stato sostenuto da:
Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC): Interesse Culturale Nazionale


Video


Foto