I viaggi di Roby
locandina di "20 Sigarette"

Cast

Interpreti:
Vinicio Marchioni (Aureliano)
Carolina Crescentini (Claudia)
Giorgio Colangeli (Stefano Rolla)
Gisella Burinato (Berta Ficuciello)
Orsetta De Rossi (Carlotta)
Alberto Basaluzzo (Massimo Ficuciello)
Luciano Virgilio (Generale Ficuciello)
Edoardo Pesce (Tino)
Duccio Camerini (Padre Aureliano)
Antonio Gerardi (Produttore)
Giovanni Carroni (Generale Stano)
Vanni Fois (Colonnello Scalas)
Nicola Nocella (Cico)
Rocco Capraro (Cintura)
Silvio Laviano (Melis)
Antonio Careddu (Mereu)
Stefano Mereu (Piras)
Andrea Iaia (Olla)
Antonio Gerardi (Produttore)
Desiree Noferini (Angela)
Maurizio Romoli (Ortopedico)
Nicola D'Eramo (Ros 1)
Pietro Faiella (Ros 2)
Harriet McMaster-Green (Infermiera)
Awa Ly (Infermiera)
Fabrice Scott (Dottor Fester)
Beniamino Marcone

Soggetto:
Aureliano Amadei
Francesco Trento
Volfango De Biasi

Sceneggiatura:
Aureliano Amadei
Francesco Trento
Gianni Romoli
Volfango De Biasi

Musiche:
Louis Siciliano

Montaggio:
Alessio Doglione

Costumi:
Katia Dottori

Scenografia:
Massimo Santomarco

Effetti:
Pasquale Di Viccaro

Fotografia:
Vittorio Omodei Zorini

Suono:
Mario Iaquone

Casting:
Flaminia Lizzani

Aiuto regista:
Samad Zarmandili

Produttore:
Tilde Corsi
Gianni Romoli
Claudio Bonivento

Segretaria di Edizione:
Iole Natoli

Direttore di Produzione:
Rocco Messere

Produzione Esecutiva Marocco:
Hamid Basket

Make-up:
Simona Castaldi

20 Sigarette


Regia: Aureliano Amadei (opera prima)
Anno di produzione: 2010
Durata: 94'
Tipologia: lungometraggio
Genere: docufiction/guerra/storico
Paese: Italia
Produzione: R&C Produzioni; in collaborazione con Rai Cinema
Distributore: Cinecittà Luce
Data di uscita: 08/09/2010
Formato di proiezione: 35mm, colore
Ufficio Stampa: Studio PUNTOeVIRGOLA / Ufficio Stampa Cinecittà Luce
Titolo originale: 20 Sigarette
Altri titoli: 20 Cigarettes - 20 Сигарет

Recensioni di :
- Speciale BIF&ST 2011 - "20 Sigarette": la strage di Nassiriya del 12 novembre 2003 raccontata da uno dei protagonisti
- "20 Sigarette": un film autobiografico sulla tragedia di Nassiriya

Sinossi: Novembre 2003: Aureliano, un 28enne anarchico e antimilitarista, precario nel lavoro e nei sentimenti, riceve all’improvviso l’offerta di partire subito per lavorare come aiuto regista alla preparazione di un film che si svolge in Iraq, al seguito della ‘missione di pace’ dei militari italiani. Nonostante le critiche degli amici, tra cui la sua ‘amica del cuore’ Claudia, e la preoccupazione dei suoi familiari, tra cui soprattutto la madre con cui convive, Aureliano parte per l’Iraq.
Si ritrova così al centro di un mondo, quello militare, che non approva e su cui ha molti pregiudizi, scoprendo però in coloro che incontra una umanità e un senso di fratellanza che appartengono anche a lui. Al seguito di Stefano Rolla, il regista che lo ha coinvolto con la sua passione per il cinema e il suo entusiasmo per il lavoro e per la vita, Aureliano non fa in tempo a finire un pacchetto di sigarette che si ritrova, come protagonista, al centro della tragedia dell’attentato alla caserma di Nassirya del 12 Novembre 2003. Unico civile sopravvissuto di una strage che ha ucciso ben 19 italiani, Aureliano, pur gravemente ferito, riesce a mettersi in salvo.
Testimone oculare dell’avvenimento, Aureliano passa dall’ospedale americano di Nassirya a quello del Celio di Roma, in una lunga degenza in cui si ritrova assediato dai politici, dai militari e dai giornalisti perché nel frattempo è diventato suo malgrado un eroe per caso. Assistito amorevolmente da Claudia, Aureliano si trasforma così da Ragazzo in Uomo, maturando sia nei sentimenti che nella sua visione della vita, fino a rielaborare la sua vicenda nella scrittura di un libro di memorie, in cui rinuncia alla sua condizione di vittima per affermare di sentirsi anche lui in qualche modo responsabile di fronte alla Storia con la S maiuscola.
Il film non vuole essere una cronaca oggettiva di quello che è successo a Nassirya nel 2003. È il racconto in ‘soggettiva’ di quegli avvenimenti fatto da colui che li ha vissuti in prima persona. Caso abbastanza insolito di film diretto dalla stessa persona che è anche il personaggio storico protagonista della vicenda narrata, Venti sigarette è soprattutto il racconto di come un ragazzo come tanti si possa trovare all’improvviso e senza rendersene conto al centro della Storia con la S maiuscola e capire così che tutti noi, con le nostre scelte e la nostra vita quotidiana, siamo comunque responsabili e protagonisti della storia pubblica e politica del mondo in cui viviamo. Tutto questo raccontato con un punto di vista squisitamente interiore, antieroico, antiretorico, tutto raccolto intorno alla figura del giovane protagonista (alter ego dell'autore) che, nonostante la durezza delle cose narrate, vuole mantenere un registro leggero, a volte quasi disincantato, e aprire al contempo ad una molteplicità di riflessioni drammatiche e contenuti tragici, in maniera personale.

Sito Web: http://www.20sigarette.it

Ambientazione: Roma / Marocco

"20 Sigarette" è stato sostenuto da:
Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC)
Regione Lazio
FILAS
Roma & Lazio Film Commission


Libro sul film "20 Sigarette":
"Venti Sigarette a Nassirya"
di Aureliano Amadei, Francesco Trento, 182 pp, Einaudi, collana Einaudi. Stile Libero Big, 2005
Un giovane regista italiano, Aureliano Amadei, arriva a Nassirya per girare un film, e salta in aria. Rimane ferito tra i morti della Brigata Sassari in quel tragico episodio che ha colpito così profondamente l'opinione pubblica italiana. Nei mesi d'ospedale ricorda tutto e riflette su quanto è successo e sulla guerra. Tornato in Italia, con un amico scrive questo libro, narrazione e insieme saggio sulla presenza italiana in Iraq.
prezzo di copertina: 12,50


Note:
Il regista del film Aureliano Amadei è l'unico civile sopravvisuto alla strage di Nassiriya (Iraq) del 12 novembre 2003 ad opera di due kamikaze iracheni, che ha provocato un totale di circa 50 vittime (di cui 25 italiani della missione militare "Antica Babilonia"). Amadei faceva parte della troupe del regista Stefano Rolla, che si trovava sul luogo per girare uno sceneggiato sulla ricostruzione a Nassiriya da parte dei soldati italiani, coinvolta nell'esplosione ed in cui lo stesso Rolla ha perso la vita.
NUMERO VERDE PRENOTAZIONE PROIEZIONI SCOLASTICHE:
800 144 961


Video


Foto