OFF - Ortigia Film festival
I viaggi di Roby
Roberta Torre

21/09/1962
Milano, Italia

Roberta Torre


Filmografia dal 2000:
in produzione » L'Accarezzatrice: regia
in produzione » Limone: regia, soggetto, sceneggiatura
in produzione » doc Romanzo della Sicilia che Cambia: regia
in produzione » Rose e Matematica: regia, soggetto, sceneggiatura, produttore
2019 » Extravergine: regia
2017 » Riccardo va all'Inferno: regia, soggetto, sceneggiatura
2015 » doc Gli Uomini di Questa Città Io Non li Conosco - Vita e Teatro di Franco Scaldati: partecipazione
2014 » Le Ragazze del Porno - My Sex: regia ("Alicia in the Supermarket"), soggetto ("Alicia in the Supermarket"), sceneggiatura ("Alicia in the Supermarket")
2013 » doc Registe. Dialogando su una Lametta: partecipazione
2010 » I Baci Mai Dati: regia, soggetto, sceneggiatura, produttore
2009 » doc Itiburtinoterzo: regia, soggetto, sceneggiatura, produttore
2009 » doc La Notte quando è Morto Pasolini: regia, soggetto, sceneggiatura, produttore
2006 » Mare Nero: regia, soggetto, sceneggiatura
2004 » doc La Veritá sul Caso del Signor Cipriemaresco: partecipazione
2004 » doc Un Frammento di Cinema: partecipazione
2002 » Angela: regia, soggetto, sceneggiatura
2000 » Sud Side Stori: regia, soggetto, sceneggiatura, scenografia

Biografia:
Roberta Torre (regista, sceneggiatrice - Italia) Nasce a Milano. Dopo la laurea in filosofia, la Scuola di Cinematografia di Milano e l'Accademia d'Arte Drammatica Paolo Grassi, si trasferisce a Palermo nel 1990. Negli anni '90 gira diversi cortometraggi in video - Angelesse (1991), Angeli con la faccia storta (1992), Le anime corte (1992), Il teatro è una bestia nera (1993), Senti amor mio? (1994), La vita a volo d'angelo (1995), Verginella (1996) - che le fruttano vari premi in festival cinematografici italiani e stranieri e fonda una piccola casa di produzione, la "Anonimi & Indipendenti". Il grande successo arriva però nel 1997 con il suo primo lungometraggio Tano da morire, un musical per molti versi anomalo che viene presentato al Festival di Venezia, in cui gli viene attribuito il premio Luigi De Laurentiis per l'opera prima, e che conquista poi altri premi tra cui due David di Donatello (miglior regista esordiente e migliore musicista a Nino D'Angelo) e tre Nastri d'Argento (miglior regista esordiente, migliore musica, migliore attrice non protagonista). Il seguito ideale di questo percorso è Sud Side Stori (2000), ancora un musical che rilegge la storia di Romeo e Giulietta in chiave multirazziale. La colonna sonora del film è firmata tra gli altri da Pacifico, che proprio in quell'occasione scopre il suo talento di paroliere, e Dennis Bowell, arrangiatore del grande Linton Qweesi Johnson. Ancora una formula che segna la tendenza alla sperimentazione dell'autrice che porta a recitare, ballare e cantare centinaia di immigrati e immigrate presi dalla strada. Nel 2002 firma Angela, un melò presentato al Festival di Cannes nella sezione Quinzaine des Réalisateurs che segna un mutamento radicale di stile e ritrova il realismo dei primi ritratti documentaristici accostandolo ad una struttura narrativa di impianto classico. Al Festival di Locarno viene presentato Mare Nero (2006), un film noir , la storia inquietante di un uomo alle prese con le sue ossessioni girata nel mondo notturno dei privè e degli scambi di coppia, con Anna Mouglalis e Luigi Lo Cascio e si avvale della colonna sonora del compositore premio oscar Shigeru Umebayashi. Nel 2008 fonda la Rosettafilm con cui produce Itiburtino terzo e La notte quando è morto Pasolini, due docu-film sulle borgate romane. Il primo è un affresco sulla vita e le storie dei giovani del tiburtino terzo, storico quartiere di Roma, il secondo è una lunga intervista racconto di Pino Pelosi che ricorda la notte del delitto Pasolini tra passato e presente. I film vengono presentati al Festival di Locarno nella sezione Ici et Alleurs agosto 2009. Nel 2008 aderisce al progetto collettivo "All human rights for hall" in occasione del sessantesimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, realizzando il cortometraggio La Fabbrica che vede come protagonisti dei bambini che si apprestano a nascere. Il 28 marzo 2009 inaugura presso l'Archivio Storico di Palermo la sua mostra fotografica Ma-donne; si tratta di 23 scatti in cui elabora creativamente una nuova immagine di donna contemporanea tra senso del mistico e gusto grottesco. Nell'Aprile del 2009 va in onda lo spot realizzato dalla regista per l'associazione "Doppia Difesa" in favore delle donne e contro ogni violenza su di esse. Nello spot compaiono volti noti del mondo dello spettacolo che invitano le donne a denunciare le violenze subite e a non vivere più nel silenzio. "I Baci mai dati", suo quinto lungometraggio viene presentato a Venezia nel 2010 in apertura della sezione competitiva Controcampo ed ottiene il Premio Brian. Successivamente viene scelto come unico film italiano al Sundance Film Festival in concorso. Il film viene candidato a 2 nastri d'argento per il miglior soggetto originale e per i costumi.
(ultima modifica: 30/09/2011)