I Viaggi Di Roby

GIANNI IMPROTA - Giuseppe Sciarra e Andrea Natale al lavoro
su un documentario sul "Baronetto di Posillipo"


GIANNI IMPROTA - Giuseppe Sciarra e Andrea Natale al lavoro su un documentario sul
Gianni Improta
I registi cinematografici Giuseppe Sciarra e Andrea Natale sono a lavoro su un documentario sull'indimenticabile baronetto di Posillipo, Gianni Improta, ex centrocampista del Napoli che ha reso grande la sua squadra negli anni settanta. Dai modi garbati e signorili - da qui il nomignolo di Baronetto - il calciatore di Posillipo non mai stato dimenticato dai tifosi del Napoli. Celebre l'espressione " Si pu vendere il Vesuvio ma Gianni Improta no".

Improta ha giocato con successo, oltre che per il Napoli, anche per altre squadre importanti come la Sampdoria e il Catanzaro. Dopo la carriera di calciatore, il baronetto di Posillipo, ha ricoperto il ruolo di allenatore, dirigente e opinionista tv nelle trasmissioni sportive, una su tutte, Campania Sport su Canale 21.

Improta adesso impegnato con la Turris, societ di Lega pro come direttore generale del settore giovanile. L'ex centrocampista non si mai fatto indietro dinanzi alle sfide, accettandone tante nel corso degli anni con diverse squadre, come la Juve Stabia e la Sambenedettese. Gianni Improta ha la fama di essere oltre che un uomo di grande umanit anche un guerriero sul campo ed questa caparbiet che gli ha fatto guadagnare la stima di molti.

Il progetto su un documentario che parla di Improta nato dai registi Andrea Natale e Giuseppe Sciarra, il primo un regista romano con alle spalle diversi documentari come " Australian Dreams" che parla degli immigrati italiani in Australia il secondo ha realizzato recentemente un cortometraggio sul bullismo, "Ikos", con l'attore Edoardo Purgatori ed il nipote di Gianni Improta. Con pause forzate a causa del covid-19, il documentario su Gianni Improta riprende quota adesso.

"Stiamo lavorando con lentezza da tempo a causa del covid-19 e di altri progetti in ballo", ha dichiarato Sciarra, "siamo certi che il documentario su mio zio non deluder le aspettative di chi l'ha amato e lo ama ancora. Mio zio un uomo eccezionale che dal nulla diventato un campione. La sua storia pu essere da esempio per molti".

01/12/2021, 19:10