Seeyousound - International Music Film Festival
I Viaggi Di Roby

TORINO FILM FESTIVAL 38 - Quando L’Italia era il centro dell’arte


"La rivoluzione siamo noi" č il documentario fuori concorso di Ilaria Freccia in collaborazione con il curatore e critico d’arte Ludovico Pratesi racconta la stagione fortunata in Italia tra il ’67 e il ’77 dei movimenti artistici provenienti da tutto il mondo. Una produzione Istituto Luce Cinecittŕ.


TORINO FILM FESTIVAL 38 - Quando L’Italia era il centro dell’arte
"La Rivoluzione siamo Noi" di Ilaria Freccia
Un documentario ricco di fotografie, filmati inediti, interessanti testimonianze di repertorio e recenti dei protagonisti di un periodo irripetibile per l’arte, quello che scoppia di pari passo ai movimenti di protesta politici e civili del ’68 che porteranno a un cambiamento radicale della nostra societŕ. Č proprio in questo momento che gli artisti decidono di uscire dalle gallerie e dai musei dando vita a delle opere che riflettono il periodo epocale, le richieste politiche e le rivendicazioni dei diritti civili.

Ilaria Freccia e Ludovico Pratesi riportano alla luce un archivio importantissimo che fa un ritratto non solo dei movimenti artistici dell’epoca ma anche di un’Italia inedita, viva, centro propulsore a livello mondiale di nuove forme artistiche, d’avanguardia: quelle della Pop Art, delle performance, delle installazioni, degli happening, dell’arte concettuale.

Torino, Roma e Napoli sono le cittŕ che ospitano questi fermenti e i protagonisti di questa stagione: Marina Abramovic, Michelangelo Pistoletto, Andy Warhol, Luigi Ontani, Pino Pascali, Alighiero Boetti, Jannis Kounellis, Joseph Beuys, sono solo alcuni dei nomi che nel documentario vengono raccontati attraverso le immagini e i filmati delle loro opere e anche attraverso le loro stesse parole e quelle di galleristi e collezionisti come Lia Rumma e Fabio Sargentini che hanno saputo cogliere l’importanza della loro arte.

In circa un’ora e mezza di documentario si evince tutto l’entusiasmo e il clima di quegli anni pieni di incognite ma anche di speranza, di voglia di fare, di creare e sperimentare, un periodo durante il quale le gallerie non sono piů solo espositive ma anche performative: il pubblico viene coinvolto e diventa parte delle opere stesse come quella scioccante di Marina Abramovic a Napoli presso la galleria Studio Morra, intitolata “Rhythm 0”, una performance durante la quale diventa lei stessa un oggetto per i visitatori invitati a farle qualsiasi cosa utilizzando degli strumenti messi a disposizione dall’artista serba tra i quali anche una pistola carica. Sono opere provocatorie e spesso non comprensibili fino in fondo per il pubblico ma che conservano tutte un concetto, un’idea, un messaggio politico e di protesta. Tanti anche gli aneddoti divertenti e i filmati mai visti come quelli di Andy Warhol a passeggio per Napoli o in un ristorante che assaggia per la prima volta una mozzarella.

Un documento importante per conoscere a fondo un periodo stimolante e fondamentale per la cultura, da destinare soprattutto alle nuove generazioni, che fa una panoramica puntuale e accattivante dei numerosi movimenti artistici che hanno cambiato il modo di fare e pensare l’arte. Ma “La rivoluzione siamo noi” rappresenta anche uno spaccato di un’Italia cosě diversa e lontana da come la conosciamo oggi che porta a fare una riflessione profonda sulla nostra societŕ e sul ruolo attuale dell’arte e della cultura.

25/11/2020, 00:10

Caterina Sabato