Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

THE IRISHMAN - I Doppiatori Italiani scelti da Netflix


C’è grande attesa intorno al nuovo film di Martin Scorsese, "The Irishman", che vede tre giganti del cinema americano, Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci, recitare insieme in quella che viene già definita la pellicola dell’anno.


THE IRISHMAN - I Doppiatori Italiani scelti da Netflix
"The Irishman" di Martin Scorsese arriva su Netflix
Netflix, produttore del film, non ha badato a spese e per il doppiaggio italiano ha deciso di ingaggiare le voci storiche dei tre grandi attori americani. Stefano De Sando, Giancarlo Giannini e Leo Gullotta presteranno infatti la propria voce al doppiaggio della nuova fatica di Scorsese: grandi attori e grandi doppiatori per un film di cui si dicono meraviglie.

Stefano de Sando presterà ancora una volta la voce a Robert De Niro, dopo averlo già doppiato in oltre quaranta pellicole; attore teatrale e cinematografico, ha doppiato, tra gli altri, anche Walter White in Breaking Bad.

A dare la voce ad Al Pacino sarà uno degli attori italiani più importanti, nonché voce storica dell’attore newyorkese: Giancarlo Giannini, di recente protagonista dell’evento Liberi sulla Carta. Leo Gullotta, nome di spicco della televisione italiana, voce storica di Joe Pesci, che ha già doppiato in film come C’era una volta in America e Mio cugino Vincenzo.

A dirigere il doppiaggio sarà Rodolfo Bianchi, attore teatrale e doppiatore di grande esperienza, che oltre a svolgere il ruolo di direttore del doppiaggio darà la propria voce a Harvey Keitel. Davide Marzi doppierà Ray Romano.

Insomma, un cast di doppiatori di livello eccelso per un film molto atteso che, dopo essere approdato al cinema, il 27 novembre sarà disponibile su Netflix.

"The Irishman": un cast stellare per Scorsese

"The Irishman" è un film fortemente voluto da Martin Scorsese, che ha riunito un cast eccezionale: De Niro ritrova Joe Pesci a 24 anni di distanza da Casinò, film leggendario che come tanti altri capolavori del cinema è ambientato o affronta il tema del casinò e del gioco, e Al Pacino dopo Sfida senza regole del 2008. Scorsese, grande amico di De Niro, che ha diretto anche in Quei bravi ragazzi del 1990 proprio insieme a Joe Pesci, per la prima volta dirigerà Al Pacino, a cui comunque lo lega un’amicizia di lunga data.

Il film racconta la storia dell’irishman Frank Sheeran (De Niro), sicario, in una rappresentazione epica della criminalità degli ultimi 60 anni circa del secolo scorso; a fare da sottofondo ci sono i temi della malinconia e dell’amicizia, per quanto tra persone dedite al crimine. Ispirato al libro L’irlandese di Charles Brandt, il film mette al centro della vicenda la scomparsa del famoso sindacalista James Hoffa (interpretato da Al Pacino), e il suo rapporto con Frank Sheeran, che sarà poi il responsabile della sua scomparsa.

GUARDA IL TRAILER - THE IRISHMAN

Fulcro del film, dunque, sono i duetti tra i due leggendari attori americani; come racconta lo stesso regista, la pellicola nasce dal suo desiderio di lavorare ancora con De Niro dopo il già citato Casinò (“sentivo la mancanza di Bob” ha detto). È stato lo stesso attore a fare il nome di Al Pacino per il ruolo di Hoffa.

La particolarità del film, che come detto attraversa la storia americana per decenni, è stata quella di non aver utilizzato attori giovani per interpretare Sheeran e Hoffa durante la loro giovinezza, ma di aver utilizzato una tecnologia all’avanguardia messa a disposizione dalla Industrial Light e Magic.

“Vent’anni fa avrei scelto attori più giovani per le scene ambientate nel passato, ma non oggi, volevo girare questo film con i miei amici” sono le parole del regista, che ha raccontato di aver utilizzato una versione meno avanzata della stessa tecnologia già nel 2015, per rigirare delle scene di Quei bravi ragazzi: “Il risultato ha soddisfatto quello che avevo in mente al 30%” – ha detto – “ma in quattro anni la tecnologia è migliorata”.

Il regista, inoltre, ha confessato che il film è una “storia di sentimenti, amore, tradimento e morte” e che l’unica condizione posta a Netflix, che ha speso ben 140 milioni di dollari per la pellicola, è stata l’uscita in contemporanea al cinema.

Dunque, non ci resta che attendere il 27 novembre per l’uscita del film in streaming e godere non solo della storia interpretata da alcuni dei più grandi attori americani, ma anche delle voci dei nostri maestri del doppiaggio.

27/11/2019, 10:20

La Redazione