FilmdiPeso - Short Film Festival

TI RACCONTO TUO PADRE - Iniziato il viaggio di Fabrizio Bracconeri


Il film di Daniele Gangemi un atto damore incondizionato di un padre verso un figlio al quale vuole assicurare a tutti i costi un futuro, anche dopo di lui.


TI RACCONTO TUO PADRE - Iniziato il viaggio di Fabrizio Bracconeri
Fabrizio Bracconeri
Il vero autismo uno stato di indifferenza per le iniziative della collettivit, unesistenza privata., secondo lo scrittore Philp K. Dick.

Un invito sicuramente ad aprirsi agli altri, per chi ha la fortuna di poterlo fare, e forse anche unesortazione ad agire al posto ed in favore di chi non pu.

Lautismo vero invece purtroppo non permette questa apertura al mondo, n tanto meno di agire per una causa o per qualcun altro.

Una tragedia che colpisce oggi circa un bambino su cento in Italia, cambiando per sempre la vita delle famiglie coinvolte.

Ne sa qualcosa Fabrizio Bracconieri, star della televisione italiana noto anche per aver interpretato il ruolo del mitico Bruno Sacchi nel telefilm cult I ragazzi della terza C, che da quasi diciottanni convive con la malattia di uno dei figli.

Ed proprio a lui che si rivolger lattore romano parlando a cuore aperto della sua vita nel documentario prodotto dallo Studio Gazzoli dal titolo Ti Racconto tuo Padre, che vedr dietro la macchina da presa lelegante e visionario regista Daniele Gangemi.

Il suono sar affidato invece allorecchio infallibile del fonico di presa diretta Carmelo Sfogliano, la produzione esecutiva alleccellente organizzatrice generale Caterina Grillo, mentre tra gli sceneggiatori figura gi anche il nome del prezioso autore Fabrizio Gucciardi.

Un viaggio filmico iniziato il 14 di questo mese a Palermo, passando da Roma, Savona, Marsiglia, Barcellona, Palma, Trapani e Valderice.

Un atto damore incondizionato di un padre verso un figlio al quale vuole assicurare a tutti i costi un futuro, anche dopo di lui.

Ad accompagnare in questa avventura Fabrizio, ci saranno i contributi unici di amici come Rita Dala Chiesa, Massimo Senise, Fabio Ferrari, Claudio Risi e Nino DAngelo.

Tutti assieme uniti per vincere lindifferenza da cui ci mettevano gi in guardia nel secolo scorso le parole dello scrittore americano venuto a mancare poco prima che il protagonista di questo docufilm conoscesse il successo e del quale ancora sentiamo una profonda mancanza.

28/03/2019, 16:49