!Xš‚‰

Valeria Marini sul set del Cortometraggio "L'Ultimo
Applauso" diretta da Claudio Fragasso


Valeria Marini sul set del Cortometraggio
Valeria Marini torna al suo primo amore, il cinema, e lo fa con la passione che caratterizza tutte le sue scelte, in un cortometraggio che con la grande regia di Claudio Fragasso, diventa un piccolo capolavoro.
Il suo è un personaggio che le assomiglia inizialmente, ma che si trasformerà dopo l’incontro con un “angelo custode”, portandolo ad una profonda riflessione, che le cambierà la visione della vita.

E lo scopo di questo film è infatti "semplicemente" questo: indurre lo spettatore a porsi delle domande, sulla propria vita, sui propri scopi, sul perché di determinate nostre credenze e convinzioni, sul nostro rapporto con gli altri; cercare di farci capire che noi non siamo migliori di chi ci sta di fronte, né tantomeno inferiori, "semplicemente", evolutivamente diversi, ma che in ognuno di questi individui, anche quello apparentemente più reietto, può nascondersi un maestro una guida o magari viceversa lo saremo noi per lui, magari siamo incaricati di consegnarli un messaggio che da solo non riuscirebbe a comprendere.

30/05/2016, 19:01