I Viaggi di Robi

PMgFF15 - "Venanzio Revolt", un uomo di cinema


Anteprima assoluta del documentario in apertura del festival Piemonte Movie a Torino


PMgFF15 -
Lorenzo Ventavoli l'anagramma di Venanzio Revolt. O forse il contrario.

Lorenzo Ventavoli un uomo che da 80 anni, da quando nato - figlio di un esercente torinese, negli anni '30 - vive dietro le quinte del cinema, proponendo-producendo-distribuendo film al pubblico. Un uomo fondamentale per la creazione, per non dire diffusione, di molto cinema che ormai storia.

Da dietro le quinte a davanti alla camera, a 80 anni suonati Ventavoli viene convinto dal trio Dinamovie (Fabrizio Dividi, Vincenzo Greco e Marta Evangelisti) a raccontarsi e raccontare qualcosa della sua esperienza di vita e di lavoro. Ne esce fuori un ritratto fedele di un uomo discreto ma appassionato, che racconta con la stessa umilt e con la stessa generosit di una gara di canottaggio vinta (l'unica passione che rivaleggia in lui con la settima arte...) e di quella sera in cui ha parlato di film yiddish con Woody Allen a casa sua, o di quello scherzo fatto a Luis Bunuel sul set, o di quei "venti secondi" di dialogo con Ingmar Bergman...

Chi ha avuto la fortuna di conoscerlo, o anche solo di vedere un film in un suo cinema (a Torino ne gestisce ancora tre, tra i pi apprezzati in citt per la qualit delle proposte), sa quanto volentieri si conceda ai ricordi, quanta "cinefilia" traspaia dalla sua vita. Vederla trasposta su un grande schermo (quella vita dedicata al cinema che "diventa" cinema) un'emozione molteplice, anche grazie all'ottimo lavoro di ricerca d'archivio compiuto dai suoi autori.

Accanto a Ventavoli due suoi amici, per rendere all'uomo pi facile il passaggio dall'altro lato della camera: Steve Della Casa l'intervistatore, la sua guida nei ricordi, il complice di tanti racconti; Nanni Moretti la voce narrante, a cui affidata l'interpretazione in prima persona di alcuni pensieri del protagonista.

Un document(ari)o prezioso: per chi ha conosciuto Ventavoli, per chi ama il cinema (e Torino), per chi apprezza le persone vere, per chi - semplicemente - gode ascoltando un bel racconto.

08/03/2016, 08:30

Carlo Griseri