FilmdiPeso - Short Film Festival

FANTASTICHERIE DI UN PASSEGGIATORE SOLITARIO


Il Fantasy di Paolo Gaudio vincitore al Cinenasty di Nizza 2014 e al Boston Science Fiction Festival 2015, nelle sale dal 26 novembre con Mediaplex Italia


FANTASTICHERIE DI UN PASSEGGIATORE SOLITARIO
"Fantasticherie di un Passeggiatore Solitario"
La nostalgica armonia conduce alle "Fantasticherie di un Passeggiatore Solitario", romanzo incompleto di Rousseau e opera prima di Paolo Gaudio, un film realizzato con diverse tecniche tra cui quella della stop motion che rende la narrazione fiabesca e magica.

Si intrecciano tre storie apparentemente distanti tra loro come quella di uno scrittore Jean-Jacques interpretato da un perfetto Luca Lionello, un bambino disperso nel bosco e uno studente di filosofia. Theo alla continua fuga del tempo e dello spazio, appassionato di romanzi incompiuti, immerso nella lettura dellopera di Renau. Uno studente desideroso di realizzare lultima fantasticheria, quella che porta in un luogo straordinario chiamato Vacuitas. Tra un Necromante e una ragazza appena uscita da "La casa della prateria", la narrazione procede in modo teatrale e poetico verso questa passeggiata in un luogo fantastico e minaccioso, fatto di libert , in cui poter ricominciare e da cui ripararsi.

"Fantasticherie di un Passeggiatore Solitario", romanzo di formazione e ricettario di storie di fantasia di Rousseau, prende vita attraverso la storia dello scrittore, del lettore e del protagonista. Una triplice chiave di lettura che crea tre fili narrativi molto diversi tra loro nel tempo e nello spazio. Gaudio non si sofferma a un esperimento fantastico, ma anzi ricrea un fantasy con il gusto per lo stravagante e lhorror, aiutato dalle parole filosofiche dello stesso Rousseu.

Lesordiente regista in questa piccola opera indipendente riesce a farci volare nellaltrove, un posto nostalgico e fantastico raccontato con un linguaggio profondo e delle musiche poetiche. Una passeggiata in punta di piedi in questo luogo che rivela tutta linsostenibilit della vita, fatta di demoni, di paure e di quel passato di cui ci vogliamo sbarazzare.

24/11/2015, 10:00

Marta Leggio