I Viaggi di Robi

IL PRETORE - Tanto romanzo, poco cinema


Farsa, melodramma e tragedia per un film tratto da un romanzo del 1973 di Piero Chiara. Il regista Giulio Base racconta una storia anacronistica senza neanche il gusto della citazione e della ricostruzione storica. Con Francesco Pannofino, Sarah Maestri, Mattia Zccaro Garau, Carlina Torta, Eliana Miglio nei ruoli principali. Un insufficiente lavoro di adattamento dal testo originale, di sceneggiatura e di produzione per creare un film inadatto anche a una prima serata in tv.


IL PRETORE - Tanto romanzo, poco cinema
La locandina del film "Il Pretore"
sempre difficile essere obbligati a non parlare bene di un film. Da una parte ci sono gli spettatori e il nostro dovere di informarli ed evitare che passino una brutta serata spendendo dei soldi e alimentando l'odio diffuso per il nostro cinema; dall'altra ci sono gli addetti ai lavori che, a causa di festival, conferenze stampa, incontri vari conosciamo personalmente e incontriamo spesso anche dopo aver parlato non bene del loro lavoro.

Comunque "Il pretore" risolve da solo il dubbio perch sembra palese come sia difficile riuscire a considerarlo un film da consigliare. Ci sono un po' tutti dietro alla produzione di questo film scritto e diretto da Giulio Base: Rai Cinema, il Mibac, La Regione Lazio, Il Comune di Luino, il tax credit di Intesa SanPaolo e di altre imprese, dunque non sconsigliare ai nostri fedeli lettori di andarlo a vedere sarebbe come invitarli a buttare altri 7 o 14 euro.

Protagonista del film - tratto dal romanzo di Piero Chiara, Il Pretore di Cuvio, che pi datato non si pu - Francesco Pannofino che, dopo le imprese cine televisive in Boris, sembra aver smarrito la strada della recitazione, non smettendo neanche per un fotogramma di fare smorfie, faccette, boccucce, occhietti, vocine e tante di quelle mossette da riempire due cartelloni di teatro di avanspettacolo.
Con alla testa Pannofino, il gruppo degli attori appare allo sbando; pi che televisivi, gli interpreti sembrano scelti aprendo a caso il librone dell'annuario degli attori, e per errore un volume degli anni '90. Tra vamp improbabili, notabili di paese appena uscirti dal cabaret e una vagonata di modelle per tutti i ruoli minori femminili, gli interpreti de "Il Pretore" danno la sensazione, oltre a dire le battute, di dover recitare le parti descrittive del romanzo, creando un'atmosfera tra il confusionario e il didascalico.

A condire quest'atmosfera imbarazzante, le "non" scelte di regia che sembrano dipese da carenze produttive e da una tanto insana quanto poca considerazione dello spettatore. Mentre le automobili degli anni '20 e '30 procedono sulla passeggiata pedonale del lungolago per non dover inquadrare una sola volte la citt alle spalle (il che significherebbe togliere le auto, le antenne, le parabole, le insegne...) i fucili da caccia sparano senza fare n fumo n fiamme, soltanto il botto... e le pendole fanno toc-toc, don-don, senza pendolare minimamente, immobili al centro della loro teca di legno e vetro. Disattenzioni su cui si pu passare sopra in un film indipendente da 20.000 euro di budget, ma non su un prodotto costoso e addirittura in costume, diretto da un regista di colossal televisivi.

La trama procede prevedibile in tre blocchi dei peggiori generi: la farsa (per recitazione e situazioni) nella prima parte; il melodramma (per insopportabili romaticherie e umane vicende e debolezze) nella parte centrale; la tragedia (per la morte della protagonista e lo scontro finale tra i due uomini) nel segmento finale. In realt c' anche un po' di spaghetti western alla fine quando, i due novelli Spencer e Hill, si scazzottano agili come pachidermi nel salotto di casa.

"Il Pretore", un film di Giulio Base, uscir in sala gioved 3 aprile distribuito da Mediaplex.

01/04/2014, 16:27

Stefano Amadio