FilmdiPeso - Short Film Festival

MARIO MARTONE - Aspettando Il Giovane Favoloso


Donzelli Editore pubblica un saggio sul regista firmato da Roberto De Gaetano e Bruno Roberti


MARIO MARTONE - Aspettando Il Giovane Favoloso
Non una novit che ci sia curiosit ed attesa intorno alluscita del nuovo film di Mario Martone, Il giovane favoloso, dedicato alla figura di Giacomo Leopardi.
Finito di girare lo scorso mese e prodotto anche attraverso una grossa operazione di tax-credit in cui sono coinvolti soggetti privati, il film dovrebbe restituire un profilo quasi inedito del poeta recanatese (interpretato da Elio Germano): non licona di un uomo afflitto dalle nebbie dellinquietudine, ma limmagine di un pensatore moderno, oppositore alla linea razionalista e dal temperamento ironico e socialmente spregiudicato.

Nellattesa che Martone completi il lavoro di montaggio, sono stati appena pubblicati da Donzelli Editore, per la curatela di Roberto De Gaetano e Bruno Roberti, gli atti di un convegno dedicato al regista, promosso dallUniversit della Calabria e tenutosi nellottobre del 2012 a Cosenza.
Con il titolo Mario Martone: la scena e lo schermo, lopera raccoglie quattordici saggi (tra gli altri, quelli di Rino Mele, Gianfranco Capitta, Emiliano Morreale, Daniele Dottorini, Giona A.Nazzaro) che esaminano in lungo e in largo una carriera artistica ormai ultratrentennale.

Ovviamente mettersi ad analizzare il lavoro multidisciplinare di Martone significa imbattersi in una delle pi alte espressioni della cultura italiana contemporanea il cui atto creativo semplice e al contempo spiazzante.
Martone un artista-intellettuale sempre molto attento nel curare la forma, il linguaggio, un idea di teatro, cinema, lirica, ma principalmente dedito a marcare una visione etico-civile, a mettere in risalto le contraddizioni della realt, i controsensi del presente andando a rivisitare capitoli (non ufficiali e dimenticati) della storia del passato.

E poi non si pu non sottolineare del regista il continuo saltare da un contesto allaltro, da un registro allaltro, che trova spiegazione in quel suo credo tutto shakespeariano che al cospetto di un mondo (di una disciplina) c sempre un universo-altrove, un differente immaginario dove poter sperimentare modelli di lavoro e inediti orizzonti di arte (e di ideali). Il modello di lavoro - scrive Rino Mele, docente di Storia del Teatro e dello Spettacolo allUniversit di Salerno - uno schema semplice che produce, a ogni passaggio, nuova fascinazione; un figura geometrica raddoppiata in unaltra, un quadrato ripetuto nel successivo, legati strettamente e mai coincidenti, una tensione a una metamorfosi negata e riproposta.

Naturalmente mettersi ad esaminare e studiare la creativit di Mario Martone vuol dire obbligatoriamente non trascurare un fuoco di fila di messinscene e film che ormai sono dentro la storia del teatro, della lirica e del cinema italiano, si pensi alle rappresentazioni di Tango glaciale, Il desiderio preso per coda, Ritorno ad Alphaville, Rasoi, Edipo Re e per la lirica Cos fan tutte e Lul, si pensi ai film Morte di matematico napoletano" (1992), Lamore molesto (1995), Teatro di guerra (1998), Lodore del sangue (2004) e il capolavoro Noi credevamo (2010) .
Ma citare Mario Martone obbliga altres ad enunciare compagnie-comunit di eccellenti attori (Toni Servillo, Antonio Neiwiller, Licia Maglietta, Anna Bonaiuto, Vittorio Mezzogiorno, Carlo Cecchi, Renato Carpentieri) che nel corso degli anni si sono formate e consolidate, sciolte e rincontrare ottenendo un consenso internazionale e portando il loro contributo a quella irripetibile stagione (in era bassoliniana) del Nuovo Rinascimento Napoletano.

Per capire fino in fondo Martone e la sua arte, il suo metodo di lavoro, il suo legame con gli attori bisogna soffermarsi sullo autoritratto proposto nel volumetto di De Gaetano e Roberti e che il regista present come lectio in occasione del convegno di Cosenza dove gli fu conferita anche la Laurea Honoris Causa in Linguaggio dello Spettacolo.
In particolare colpisce quando il regista precisa che il suo teatro sin dallinizio si sviluppato per non essere n tradizione n avanguardia, ma spazio, scena analitica strutturata secondo le sequenze impalpabili del cinema e della musica.

E in merito al cinema (al suo cinema) scrive Martone: La nascita di un film in me segnata da un punto di attrazione inspiegabile. un punto che si pu trovare in un libro, in una storia raccontata per strada o parlando con un amico, non fa nessuna differenza. una sensazione. Questo punto si accende, si illumina e ti attrae perch tu lo raggiunga.

18/01/2014, 09:45

Mimmo Mastrangelo