Sudestival 2020

SMFF - IL PASTICCIERE - Un film di confine


SMFF - IL PASTICCIERE - Un film di confine
E' sostanzialmente un film di confine "Il Pasticciere" di Luigi Sardiello, prodotto da Alessandro Contessa. Protagonista della vicenda Achille Frazzi, un pasticciere, di un piccolo paesino cresciuto all'interno del laboratorio del padre, dal quale ha imparato gli insegnamenti di vita e lavorativi. Casualmente l'uomo si imbatter in una storia pi grande di lui, dove non potr tirarsi pi indietro, avendo superato quel "confine" che cambier radicalmente la sua vita. Ad intepretare il pasticciere un'insolito Antonio Catania, che recita accanto alla moglie, Rosaria Russo, una cinica femme-fatale, che l'ingenuo protagonista tenta di salvare da un destino ormai segnato. Attorno a loro ruotano un'enigmatico avvocato in stile azzeccagarbugli, intepretato da Ennio Fantastichini, e Sara D'Amario nei panni di una scrupolosissima poliziotta.

L'opera di Sardiello, non convince del tutto. La sceneggiatura a tratti sembra forzata, imbrigliata tra la commedia e il noir, cosa che penalizza il pathos, quasi assente. Le scene che dovrebbero creare suspance nello spettatore rimangono fredde, come anche le ricerche e le indagini di un'improbabile "equipe" della polizia croata. Non vi un netto contrasto tra buoni e cattivi, anzi, l'unico apparentemente "buono" sulla scena, il protagonista, dopo aver oltrepassato il "confine", diventa un goffo inteprete del cattivo a sua volta.

15/12/2012, 08:57

Simone Pinchiorri