Meno di 30
I Viaggi di Robi

Festival Roma - ALI' HA GLI OCCHI AZZURRI Ribelle, sempre


Presentata l'opera seconda di Claudio Giovannesi, primo italiano in concorso.


Festival Roma - ALI' HA GLI OCCHI AZZURRI Ribelle, sempre
Nader figlio di egiziani ma nato a Roma, si sente italiano a tutti gli effetti ed pronto a rivedicarlo ad ogni costo. Cos, quando la madre gli comunica che il suo fidanzamento con una ragazza italiana inaccettabile, mettondolo di fronte alla scelta di lasciarla o di andarsene di casa, il sedicenne non ci pensa due volte e scappa.

A distanza di un paio di anni dall'uscita di "Fratelli d'Italia", Claudio Giovannesi torna a raccontare una storia di integrazione nel suo "Al ha gli occhi azzurri", che vede protagonista il giovane Nader Sarhan, gi presente nel precedente documentario.

Girato in modo asciutto e fortemente realistico, il film racconta quella categoria della societ conosciuta come "italiani di seconda generazione", giovani in bilico continuo tra le proprie radici culturali e le mode del Paese in cui sono cresciuti, alla ricerca continua di una vera identit.

Come gi scelto da altri autori del nostro cinema contemporaneo, si veda il "Reality" di Matteo Garrone o "L'intervallo" di Leonardo Di Costanzo, anche Giovannesi opta per una macchina da presa incollata sul protagonista, adottando un linguaggio ibrido tra il realismo del documentario e la finzione.

Il racconto generazionale, fatto di amori, gelosie e violenza, convince anche quando il film azzarda verso il "gangster movie", ma ci che a volte stona la voglia del regista di condensare troppi argomenti in brevissimo tempo (in pochi minuti si passa da una rapina, ad una pippata di coca, ad una lamentela per la presenza di un crocifisso in aula), con la conseguenza che molti di essi finiscono per risultare fine a se stessi.

10/11/2012, 15:25

Antonio Capellupo