I Viaggi di Robi

PADRONI DI CASA - La tensione nascosta


L'opera seconda di Edoardo Gabbriellini dopo la presenza a Locarno arriva in sala dal 4 ottobre 2012


PADRONI DI CASA - La tensione nascosta
Edoardo Gabbriellini torna alla regia dopo 9 anni dal suo esordio, "B.B. e il cormorano". Se l il suo protagonista era un idraulico, qui la coppia al centro delle vicende composta da due fratelli piastrellisti, Cosimo ed Elia, chiamati a lavorare alla casa del celebre cantante Fausto Mieli, ritiratosi in campagna da anni per assistere la moglie, bloccata su una sedia a rotelle.

Nell'apparente quiete del piccolo borgo nascosto nell'Appennino tosco-emiliano, i due faranno la conoscenza della star, accomodante e gentile, e di alcuni membri della popolazione locale: Adriana, la bella del paese, si invaghisce del giovane Elia, e questo fa arrabbiare il suo spasimante, figlio di bracconieri locali che ce l'hanno a morte col cantante...

La trama del film ingarbugliata al punto giusto e riesce nella prima parte (pur con qualche passaggio un po' scontato) a creare le giuste basi e la giusta tensione: un film molto poco "italiano", se questa definizione pu avere un senso, che rimanda ad atmosfere alla "Un tranquillo weekend di paura" o ai tanti horror bucolici visti negli anni. Nulla come sembra agli occhi sprovveduti dei due fratelli, e anche in casa Mieli la tensione, accuratamente nascosta, a lungo andare si far evidente.

Gabbriellini riesce a costruire un film insolito per le nostre "latitudini", grazie ai volti giusti messi al posto giusto (il clan di cacciatori del paese), ben servito da Elio Germano e Valerio Mastandrea (quest'ultimo impegnato anche in fase di sceneggiatura), convinti e convincenti.

Se la recitazione di Valeria Bruni Tedeschi per forza di cose "bloccata", forti dubbi rimangono sulla scelta di fare interpretare il personaggio chiave del film a Gianni Morandi. Sulla carta una soluzione interessante, con il ritorno al cinema del cantante dopo i musicarelli degli anni '60, ma il suo un ruolo decisivo e complesso, che si sarebbe dovuto giocare tutto sull'ambiguit e sul non detto, una sfida complicata per qualunque attore, anche per i pi scafati (e Morandi, non ce ne voglia, fallisce in pieno).

Peccato, perch quando si arriva all'interessante finale (anche se i passaggi di sceneggiatura risultano un po' forzati e accelerati) l'incanto gi rotto a causa dell'impossibilit di ritenere "vero" e credibile il personaggio principale.
Dispiace per il film, che rimane un buon punto di passaggio per il cinema di Gabbriellini, di cui attendiamo con interesse il successivo capitolo.

02/10/2012, 15:00

Carlo Griseri