Meno di 30
I Viaggi di Robi

"Tutti al Mare" con Matteo e Vincenzo Cerami


"Tutti al Mare", opera prima di Matteo Cerami, un omaggio a 35 anni di distanza a "Casotto" di Sergio Citti, sceneggiato come per il film del 1976 da Vincenzo Cerami. Nel cast: Gigi Proietti, Marco Giallini, Ilaria Occhini, Francesco Montanari, Ennio Fantastichini, Ambra Angiolini, Anna Bonaiuto e Sergio Fiorentini.


Il lido Chez Maurice sulla spiaggia di Castelporziano, un piccolo angolo di paradiso che sorge sul litorale romano, dove ogni giorno puoi trovare del buon pesce fresco, in un ambiente pulito con clima accogliente, o almeno cos sembra.
Da venerd 11 arriva nelle sale italiane Tutti al Mare, opera prima di Matteo Cerami scritta insieme al padre Vincenzo, che nel 1976 firm quel Casotto cui la pellicola si ispira esplicitamente. Dal film di Sergio Citti, divenuto negli anni un vero cult, questo sequel ideale pare per esserne lontano anni luce.

Maurizio, padrone del locale con il volto di Marco Giallini, pi che protagonista il collante di un film corale e talvolta caciarone, in cui si sussegue un carosello di pittoreschi personaggi che entrano in scena e ne riescono, con una tempistica spesso pi vicina alla piece teatrale che al cinema. Il tentativo di raccontare l'Italietta di oggi, ricca di individui intenti ad apparire diversi dalla propria natura, mescolando il grottesco al malinconico, non porta i frutti sperati: i personaggi risultano troppo macchiettistici per strappare una grassa risata e troppo poco tratteggiati per provarne compassione. E pure, se il film di 35 anni fa poteva godere della presenza di un cast che andava da Paolo Stoppa ad Ugo Tognazzi, per il suo personale tributo, Cerami ha avuto a disposizione un'altrettanto importante rosa di attori, che per non sembra essere sfruttata al meglio. Persino Gigi Proietti che in Casotto interpretava l'irriverente Gino alle prese con una commozione cerebrale, qui sembra voler dar vita a una parodia di se stesso, all'interno di sketch svuotati della sua solita carica ironica. Tra omaggi al cinema del passato e luoghi comuni sulla societ contemporanea, la giornata volge quindi al termine e il mare, ritirandosi, porta con se le tante storie raccontate, ma di cui rimane davvero poco e nulla. Peccato.

09/03/2011, 08:42

Antonio Capellupo