FilmdiPeso - Short Film Festival

In sala due film targati "A.B. Film": “Le Cose in Te Nascoste”
di Vito Vinci e “Se Chiudi gli Occhi” di Lisa Romano


In sala due film targati
Sono usciti venerdì 28 Novembre, per il momento a Roma ma dalla prossima settimana approderanno anche in altri capoluoghi, “Le cose in te nascoste” di Vito Vinci e “Se chiudi gli occhi” di Lisa Romano; entrambi i film hanno in comune soprattutto il fatto di essere distribuiti dalla A.B. Film di Angelo Bassi.

Il lungometraggio di Vito Vinci, prodotto dalla NC Produzioni di Nicola Conticello, narra di un uomo e di una donna che si incontrano casualmente ed iniziano a frequentarsi. La loro vita infelice ed il comune rifiuto di una normalità soffocante li porteranno ad un gesto estremo.
“Il tema principale del film", ha precisato il regista, “è il crack della mente derivante dalla perdita dei valori più basilari. Esistere in questo mondo, tra la grave crisi finanziaria e le minacce conseguenti ai fatti dell’undici settembre che hanno reso ancora più rilevante il senso di precarietà insito nella nostra esistenza, sta diventando sempre più problematico. Il mio lavoro si è volto all’analisi dell’individuo che è in generale vittima degli eventi della società; i protagonisti del film sono spinti a buttarsi via perché hanno perso la loro identità, il loro è un atto purificatorio di estrema provocazione".
“Le Cose in Te Nascoste” colpisce per il modo con cui, attraverso l’uso di un linguaggio tecnico spesso anticanonico, riesce a rendere la disperazione dovuta al senso di insicurezza generale che inevitabilmente ognuno è in maniera diversa portato a vivere. E’ sicuramente importante e nobile portare al cinema un tema così importante, non solo attuale ma soprattutto sempre più grave e urgente.
Il lungometraggio è interpretato da Lea Molnar, Luigi Iacuzio, Giovanni Izzo, Elena Bourika, Franco Trevisi e Francesca De Sapio. E’ scritto dal regista insieme a Davide Pappalardo e la sceneggiatura è stata finalista al Premio Solinas.

Il senso di precarietà della nostra generazione è alla base anche di “Se Chiudi gli Occhi”, l’esordio cinematografico di Lisa Romano dichiarato vincitore all’ultimo Festival di Annecy. Il film della cineasta siracusana, prodotto da Fabrizio Lori e Pacifica Artuso per Matrix Film, narra la storia di una giovane donna che si trova a che fare con i problemi dovuti alla sua fuga dopo un incidente che rivela in un secondo tempo un fatto scottante. Le indagini della polizia non mancheranno di minare la sua vita che si destreggia sui binari di una esistenza apparentemente stabile e già decisa.
“Mi piaceva molto l’idea di raccontare visivamente la bellezza della città in cui sono nata”, ha precisato la regista, “attraverso uno spaccato di realtà siciliana dove non c’entra la mafia ma altre vicissitudini dell’esistenza arrivano a creare casini. Credo che la protagonista del mio film non sia colpevole perché, come qualsiasi essere umano che si trova di fronte a cambiamenti repentini della propria vita, reagisce nel modo più istintivo e personale, forse l’unico possibile".
Il film della Romano procede inizialmente in modo canonico e rigoroso; rivela un taglio più personale e accattivante nella seconda parte e riesce quindi a farsi apprezzare anche per la sua originalità e genuinità. Davvero brave le protagoniste Giovanna Di Rauso e Anna Foglietta che formano una coppia talmente affiatata che finisce per ricordare quella di Thelma e Louise. Da segnalare anche le presenze nel cast di Ignazio Oliva e di un calibrato Nino Frassica.

Entrambi i film, che hanno in comune anche il budget di circa 500.000 euro; sono stati girati in HD e saranno distribuiti con circa una decina di copie.
Il film di Vinci dal 5 Dicembre sarà infatti anche a Napoli, Bologna, Torino e Milano; poi forse anche a Palermo, Lecce e Padova.
Il lungometraggio della Romano, che è già uscito a Genova oltre che nella capitale, sarà dalla prossima settimana anche a Milano, Torino, Firenze, Catania, Palermo e Siracusa. Poi forse anche a Napoli e Bologna.

30/11/2008, 11:37

Giovanni Galletta