I viaggi di Roby
locandina di "Le Quattro Volte"

Cast


Soggetto:
Michelangelo Frammartino

Sceneggiatura:
Michelangelo Frammartino

Montaggio:
Benni Atria
Maurizio Grillo

Costumi:
Gabriella Maiolo

Scenografia:
Matthew Broussard

Fotografia:
Andrea Locatelli

Suono:
Simone Paolo Olivero
Paolo Benvenuti (II)

Produttore:
Gabriella Manfrè (Invisibile Film)
Gregorio Paonessa (Vivo Film)
Marta Donzelli (Vivo Film)
Susanne Marian (Essential Filmproduktion)
Philippe Bober (Essential Filmproduktion)
Elda Guidinetti
Andres Pfaeffli

Organizzatore Generale:
Marco Serrecchia

Segretaria di Edizione:
Margherita Spampinato

Produttore Delegato:
Francesca Zanza

Le Quattro Volte


Regia: Michelangelo Frammartino
Anno di produzione: 2010
Durata: 88'
Tipologia: lungometraggio
Genere: antropologico/drammatico/etnologico/fantascienza
Paese: Italia/Germania/Svizzera
Produzione: Invisibile Film, Ventura Film, Vivo film, Essential Filmproduktion; in collaborazione con Caravan Pass, Altamarea Film
Distributore: Cinecittà Luce
Data di uscita: 28/05/2010
Formato di proiezione: 35mm, colore
Ufficio Stampa: Vanessa Jerrom / Claire Vorger / Wolf Consultants / Ufficio Stampa Cinecittà Luce
Vendite Estere: Coproduction Office / Les Films du Losange
Titolo originale: Le Quattro Volte
Altri titoli: The Four Times - Las Cuatro Veces - Četiri Lica - Četiri Puta - Landsbyen på Toppen av Fjellet

Recensioni di :
- "Le Quattro Volte": l'intreccio di storie di vita quotidiana tra documentario e finzione
- "Le Quattro Volte" di Michelangelo Frammartino: un'opera che parla con le immagini

Sinossi: Un paese calabrese abbarbicato su alte colline da cui si scorge il mar Ionio in lontananza, un posto dove il tempo sembra essersi fermato, dove le pietre hanno il potere di cambiare gli eventi e le capre si soffermano a contemplare il cielo.
Qui vive i suoi ultimi giorni un vecchio pastore. È malato. Crede di trovare la medicina giusta nella polvere raccolta dal pavimento della chiesa, che beve sciolta nell’acqua ogni sera.
Nello spiazzo di terra nera di un ovile, una capra dà alla luce un capretto bianco Il disagio della vita dura pochi istanti: gli occhi si aprono subito, le zampe già reggono il peso del corpo. Lo schermo è riempito da questa nuova presenza. Il capretto cresce, si irrobustisce, inizia a giocare. Il giorno della sua prima uscita inavvertitamente resta indietro rispetto al resto del gregge e si perde nella vegetazione, fino a quando esausto si abbandona ai piedi di un maestoso abete.
Il grande albero oscilla nella brezza montana. Il tempo passa, le stagioni cambiano in fretta, il grande abete bianco con loro. Il suono della sua chioma riempie il silenzio. All’improvviso un rumore meccanico.
L’abete giace al suolo. È stato mutilato, ridotto al suo scheletro. Il suo legno bianco viene trasformato in carbone attraverso il lavoro antichissimo dei carbonai locali. Lo sguardo si perde nel fumo della cenere.
Una visione poetica sui cicli della vita e della natura, sulle tradizioni dimenticate di un luogo senza tempo. Un film di fantascienza senza effetti speciali, che accompagna lo spettatore in un mondo sconosciuto e magico, alla scoperta del segreto di quattro vite misteriosamente intrecciate l’una nell’altra.

Sito Web: http://www.lequattrovolte.it

Ambientazione: Caulonia (RC) / Alessandria del Carretto (CS)

Periodo delle riprese: Inverno 2009 - Primavera 2009

Budget: 1.000.000 euro

"Le Quattro Volte" è stato sostenuto da:
Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC) (Direzione Generale Cinema)
Eurimages (Council of Europe)
Calabria Film Commission
Torino Filmlab
Medienboard Berlin-Brandenburg
Regione Calabria
Zdf Enterprises
ARTE
Cinecittà Luce
RSI - Radiotelevisione Svizzera
Programma Media Unione Europea


Libro sul film "Le Quattro Volte":
"Parlare di cinema. Schede tecniche e percorsi interpretativi dei migliori film dell'anno"
di Andrea Lavagnini, Giuseppe Zito, 208 pp, 2011
"Parlare di cinema" intende fornire, grazie all'esperienza di un anno di cineforum, uno strumento a quegli operatori culturali, insegnanti ed educatori che decidono di utilizzare il cinema in contesti didattici ed educativi. Si tratta, dunque, di un vademecum per creare percorsi cinematografici tematici e interattivi, finalizzato all'interazione tra spettatori, alla condivisione e alla formazione, che vede il cinema come luogo privilegiato di un cammino personale e collettivo, dove possa riaffiorare l'esperienza umana di ciascuno. I film presentati sono: "American Life","An Education", "Basilicata coast to coast","La bocca del lupo", "Bright Star", "Chloe", "Il Compleanno", "Il Concerto", "Departures", "Invictus", "London" "River", "Lourdes","Non è ancora domani" (La Pivellina), "La nostra vita", "Ocean Heaven", "La Passione ", "Perdona e dimentica", "Post Mortem"," Potiche", "Precious","La prima cosa bella", "Il profeta", "Le quattro volte", "Il responsabile delle risorse umane ", "Revanche", "Il segreto dei suoi occhi","Soul Kitchen", "Uomini di Dio", "L'uomo che verrà", "Lo zio Boonmee che si ricorda le vite precedenti."
prezzo di copertina: 13,50

Acquistalo su € 11.25



Video


Foto