I viaggi di Roby
locandina di "Due Partite"

Cast

Interpreti:
Margherita Buy (Gabriella - 1966)
Isabella Ferrari (Beatrice - 1966)
Marina Massironi (Claudia - 1966)
Paola Cortellesi (Sofia - 1966)
Carolina Crescentini (Sara - 1996)
Valeria Milillo (Cecilia - 1996)
Claudia Pandolfi (Rossana - 1996)
Alba Caterina Rohrwacher (Giulia - 1996)

Soggetto:
Cristina Comencini

Sceneggiatura:
Enzo Monteleone
Cristina Comencini

Musiche:
Giuliano Taviani

Montaggio:
Cecilia Zanuso

Costumi:
Marina Roberti

Scenografia:
Paola Comencini

Fotografia:
Daniele Nannuzzi

Suono:
Andrea Giorgio Moser

Aiuto regista:
Matteo Albano

Produttore:
Riccardo Tozzi
Giovanni Stabilini
Marco Chimenz

Trucco:
Vincenzo Mastrantonio

Acconciature:
Ferdinando Merolla

Due Partite


Regia: Enzo Monteleone
Anno di produzione: 2009
Durata: 94'
Tipologia: lungometraggio
Genere: drammatico
Paese: Italia
Produzione: Cattleya, Rai Cinema
Distributore: 01 Distribution
Data di uscita: 06/03/2009
Formato di ripresa: 35mm
Formato di proiezione: 35mm, colore
Ufficio Stampa: Studio Lucherini Pignatelli / 01 Ufficio Stampa
Titolo originale: Due Partite
Altri titoli: Quello che le Donne non Dicono - The Ladies Get Their Say - Zwei Spiele - KÚt Jßtszma

Recensioni di :
- "Due Partite": il film sulle donne di Enzo Monteleone

Sinossi: Una commedia dolce amara sul mondo femminile. Due epoche, due modi di essere donne.
Anni Sessanta: una partita a carte per stare insieme. Ogni giovedi' pomeriggio quattro amiche si raccontano amori e tradimenti, teorizzando la maternita', la vita e i problemi del matrimonio. Litigano, ridono, parlano con complicita' e un po' di cinismo.
Trent'anni dopo: le figlie si ritrovano al funerale di una delle madri. Sono le stesse bambine che, durante le partite a carte, giocavano nella stanza vicino. Come le loro madri, si confidano sogni e paure, il tempo che passa, il rapporto con il lavoro, il desiderio di maternita'. Sono passati decenni ma l'identita' femminile sembra inalterata, nonostante la carriera e l'emancipazione; essere donna significa oggi come allora energia, allegria, fatica e dolore.

Sito Web: http://www.yahoo.it/duepartite

Libro sul film "Due Partite":
"Due Partite"
di Cristina Comencini, 95 pp, Feltrinelli, collana Super Universale Economica, 2006
Anni Sessanta, quattro donne giocano a carte in una casa. Ogni giovedý, da molti anni, si riuniscono per fare una partita, chiacchierare, passare il pomeriggio. Portano con sÚ le loro bambine che giocano nella stanza accanto. Nessuna di loro lavora, fanno le madri, le mogli, si conoscono da molto tempo. Una di loro Ŕ incinta del primo bambino. Durante il primo atto della commedia vediamo intrecciarsi le loro storie tra comicitÓ ed emozioni, il tutto scandito dai primi dolori della partoriente: il tema pi¨ forte Ŕ quello della maternitÓ, dei vari modi d'intenderla. E la fine del primo si chiude con una nascita: il palcoscenico deserto, le carte abbandonate sul tavolo verde, le voci trafelate delle donne fuoriscena. Secondo atto oggi, quattro donne s'incontrano in un'altra casa, sono vestite di scuro. Si sono riunite dopo il funerale di una delle loro madri che si Ŕ suicidata. Capiamo che sono quelle bambine che nel primo atto giocavano nella stanza accanto. A poco a poco le colleghiamo una dopo l'altra alle madri. Qualche volta per rassomiglianza, qualche volta per assoluto contrasto. Due epoche, due modi di essere donne. Sono pi¨ felici queste donne, pi¨ realizzate? A tratti pare essersi spezzata una catena, meglio o peggio, chi lo sa? Inevitabile. Ma l'identitÓ stessa femminile sembra a tutte loro qualcosa di indefinibile e perci˛ perennemente a rischio, oggi come ieri. Una specie di energia, di follia che non vuole farsi disarmare, che risorge sempre dalla morte per dare la vita.
prezzo di copertina: 8,50


Note:
Il film trae spunto dall'omonimo spettacolo teatrale scritto e diretto da Cristina Comenicini in cui si confronta il mondo femminile di oggi con quello degli Anni 60.

Video


Foto