-D30
I Viaggi di Robi
locandina di "Superstudio o la Mossa del Cavallo"

Superstudio o la Mossa del Cavallo


Regia: Matteo Giacomelli
Anno di produzione: 2008
Durata: 50'
Tipologia: documentario
Genere: arte
Paese: Italia
Produzione: Emmegi Prod
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Formato di ripresa: DV Cam, Beta Cam
Camera: Sony DX-35
Sistema di montaggio: Avid Media Composer
Formato di proiezione: Beta SP, colore
Titolo originale: Superstudio o la Mossa del Cavallo

Recensioni di :
- "Superstudio o la Mossa del Cavallo": l'avanguardia artistica fiorentina in un documentario di Matteo Giacomelli

Sinossi: "Superstudio" torna a parlare a di s: Adolfo Natalini, Cristiano Toraldo di Francia e Gian Piero Frassinelli si raccontano.
"Superstudio" il gruppo fiorentino dellarchitettura Radicale si confronta tra lucide visioni e intuizioni, tra vita e arte, tra passato e futuro - dal Monumento Continuo alla Globalizzazione, dalla Supersuperficie alla Rete Iperconessa- tra profezia e dimostrazioni, tra utopia e realt.
Pensieri,parole, opere e visioni del Superstudio senza soluzione di continuit fino alle radici delluomo e dellarchitettura e ritorno.

Ambientazione: Firenze

Periodo delle riprese: Aprile 2007

Budget: 30.000 euro

"Superstudio o la Mossa del Cavallo" stato sostenuto da:
Toscana Film Commission


Note:
"Superstudio o la Mossa del Cavallo" fa parte della serie "Percorsi di Architettura".
Le Immagini di Archivio presenti nel documentario sono tratte dall'
Archivio Fotografico Superstudio di Cristiano Toraldo di Francia a Filottrano (AN); dall'Archivio Superstudio di Gian Piero Frassinelli a Firenze; e dai film di Superstudio: "LArchitettura Interplanetaria" (1971), "Supersuperficie" (1972), "Cerimonia" (1973); e dai testi delle "12 Citt Ideali" di Gian Piero Frassinelli, letture di Stefania Benedetti.

STORIA SUPERSTUDIO
"Superstudio", gruppo di architettura fondato nel 1966 a Firenze, stato protagonista del Movimento dellarchitettura Radicale degli anni sessanta affermandosi a livello internazionale come testimonia la mostra Italy the New Domestic Landscape tenutasi nel 1972 al MoMa di New York.
Obiettivo della ricerca del "Superstudio" riformulare larchitettura dalla base facendola diventare una disciplina incrocio, avvalendosi di media come il film e il fotomontaggio e ricorrendo alla letteratura, allantropologia al cinema e alla religione.
Il tutto finalizzato a una nuova concezione della vita e delluomo, in linea con le tendenze della cultura alternativa degli anni sessanta, influenzata dal movimento Hippie e dal Situazionismo.
"Superstudio" si scioglie nel 1978 lasciando uneredit di riflessioni e di progetti ancora da indagare; rappresenta una Storia Moderna che dalla citt di Firenze e dalla Toscana stata capace di inventare immagini emblematiche di un epoca in cui, come asserivano i protagonisti lunica vera arte sar la nostra vita


Video


Foto