-D30
I Viaggi di Robi
Enrico Bergamasco

09/03/1980
Trieste, Italia

Altro


Enrico Bergamasco


Filmografia dal 2000:
2018 » medio Divina Mortis: attore (Capo Adepto)
2018 » Quando Corre Nuvolari: attore
2018 » Red Land (Rosso Istria): attore (Carabiniere Parisse)
2017 » corto Verme: attore
2016 » doc In Trincea - Piccole Storie della Grande Guerra: partecipazione
2014 » doc Il Risveglio di un Gigante: partecipazione (Il Diavolo)
2014 » Non Avere Paura, Un'Amicizia con Papa Wojtyla: attore
2013 » corto Disorder: attore

Biografia:
Nato a Trieste. Incontra il teatro per vincere la timidezza nella città dei cantieri navali di Monfalcone; ha fatto l’operaio, l’impiegato e il cuoco, e tanti altri lavori. Come attore studia alla scuola Giovanni Poli di Venezia, si diploma alla scuola del teatro Stabile di Trieste, alla scuola europea per l'arte dell'attore di San Miniato, presso l'università degli studi di Trieste storia del cinema e del teatro; tra gli insegnanti incontrati lungo il cammino ci sono Emma Dante, Gabriele Vacis, Dante Spinotti, Judith Malina, Gary Brackett, Hanon Reznikov, Mamadou Dioume, Serena Sinigaglia, Yoshi Oida, Rodrigo Garcia, Michela Lucenti, Michael Margotta all'Actor Center di Roma, Accademia dei Filodrammatici di Milano e Civica Nico Pepe di Udine. Studia anche con Lena Lessing, Cristina Pezzoli, Paola Bigatto, Ugo Chiti, Stefania De Santis, Tomash Ostermaier, Claudio Morganti, Doris Hicks; in teatro ha debuttato alla Biennale di Venezia, al Plautus Festival di Sarsina, al Mittelfest di Cividale, ha lavorato come mimo nelle opere liriche di Gabriele Lavia, Zeffirelli, Hugo de Ana, Gianfranco De Bosio, Henning Brockaous, Fura dels Baus all'Arena di Verona. Ha collaborato con DDT teatro Lugano "Intrattenendo Sloane" di Joe Orton e Kulturscio'k. Parigi."Rosso Caffeina" festival delle colline torinesi e Galleria Toledo Napoli.
Al cinema e in televisione ha lavorato con Liliana Cavani,"Einstein" Lugi Perelli "Un caso di Coscienza 5", Gianni Lepre "Una buona stagione", Maurizio Costa," Una villa per due", Carmine Elia "La dama velata" nella seguitissima serie serba "Montevideo-bog the video" diretta dal serbo Dragan Bielogrelic e nella serie tv per il centenario della grande guerra "Il confine"diretto da Carlo Carlei per la rai; in alcuni cortometraggi diretti da Giovanni Ziberna "I racconti nel piatto" e il recente film "Il risveglio del gigante-Santa Veronica Giuliani",presentato in anteprima in Libano, poi altri lavori sono: "Alpino Riccardo Giusto" di Giovanni Cismondi e "Disorder" della sudamericana Clara Salgado, e alcuni campagne pubblicitarie spot regionali, nazionali e internazionali: Chateu d’Aux, Renault Dacia, Diadora Zico per Controcampo Venezia, Unieuro, Gardaland Magical adventure co produzione inglese in uscita nel 2019. E' tra i protagonisti del film per la tv diretta da Andrea Porporati " Non avere paura, un'amicizia con papa Woityla", con Giorgio Pasotti,
Claudia Pandolfi, Giuseppe Cederna e Aleksey Guskov, nella pellicola "In trincea - storia della grande guerra diretto da Omart Pesenti per Officine della Comunicazione di Bergamo etv vaticana, in Amore Criminale il format di Raitre ideato da Matilde D'Errico.,nel 2016 è tra i protagonisti del film su pilota Tazio Nuvolari diretto da Tonino Zangardi con Alessandro Haber, e nel 2017 al film RED LAND-rosso Istria accanto ad attori come Franco Nero e Geraldine Chaplin, e il progetto abruzzese DIVINA MORTIS di Josh Heisenberg, nel 2018 partecipa a ZORA del regista croato Dalibor Matjan (Cannes 2014 con Sole alto), e il progetto ligure VIVO di Alfonso Cioce. E' finalista del premio Tangram teatro 2009 di Torino per attori e attrici di prosa, vince una borsa di studio nel 2004 per il corso di cinema sentieri selvaggi di Roma, è vincitore assoluto del concorso nazionale di lettura espressiva 2010 di Parma (Premio giuria e pubblico), vince la maratona Makingo 6x60 2009 di Gorizia con il corto "Carry on"; è finalista ne 2014 del premio "Giovani realtà del teatro" di Udine con il progetto-monologo "Apnea" liberamente ispirato al romanzo "Viaggio nella notte" dell'autore pordenonese Massimiliano Santarossa, che racconta l'emarginazione e la crisi dell'industria del nordest attraverso un operaio. Ha scritto il cortometraggio "L'uomo coi tagli"diretto dal videomaker friulano Simone Vrech, che lo dirige anche nel corto VERME. Nel 2010 si trasferisce a Roma dove collabora con alcune compagnie della capitale, e all’estero tra L’Inghilterra e la Spagna e L’irlanda, si trasferisce poi a Pordenone, dove inizia varie collaborazioni sul territorio soprattutto per l'insegnamento nelle scuole, creando l’associazione D.E.V.A. DIMENSIONI E VISIONI ARTISTICHE che si occupa di cinema e di sociale, lavorando anche con disabilità come l’autismo. BIANCOSPINO è il progetto del suo primo lungometraggio come regista tratto dal romanzo della friulana Anna Piazza “Liberami”(arpeggio editore).
E' appassionato di cucina vegetariana, viaggi, fotografia e musica.
(ultima modifica: 04/03/2019)

Notizie

Premi e nomination