!Xš‚‰

TULIPANI DI SETA NERA 16 - Aperti i nuovi bandi di concorso


TULIPANI DI SETA NERA 16 - Aperti i nuovi bandi di concorso
Dopo il successo della sedicesima edizione, torna nella capitale dal 9 al 12 maggio Tulipani di Seta Nera, il Festival dedicato alla promozione delle opere che meglio hanno saputo raccontare il sociale e la sostenibilità attraverso storie sulla diversità, sulla fragilità e sull’unicità delle persone e dei luoghi.

Sono quattro i formati audiovisivi in concorso su www.tulipanidisetanera.it i bandi per partecipare alle quattro sezioni: Cortometraggio (scadenza 29 gennaio) Documentario (scadenza 15 febbraio), Digital Serie (scadenza 28 febbraio) e #SocialClip (scadenza 15 marzo).

Tra le novità di questa edizione l’avvicendamento tra il regista Gianfranco Pannone, con il suo biennio di attività di grande qualità ed esperienza, con il regista Christian Carmosino Mereu, già noto per essere selezionatore per parecchi festival nazionali e internazionali, subentrerà alla direzione artistica della sezione documentari.

Restano alla guida artistica delle altre sezioni, per i cortometraggi Paola Tassone, ideatrice e tra i fondatori del FTSN, responsabile scientifico del progetto scolastico “Tulipani Talenti in erba” nell’ambito del Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola promosso da MiC MiM, autrice e scrittrice di saggi cinematografici ed esperta di cinema sociale; per le #SocialClip Grazia Di Michele, profonda e originale Cantautrice, promotrice di molte campagne di sensibilizzazione su tematiche sociali importanti legate al mondo femminile, ai diritti civili, ai problemi ambientalistici; per le Digital Serie Janet De Nardis, regista, sceneggiatrice, conduttrice televisiva e giornalista, negli ultimi anni si dedica all’evoluzione dei formati audiovisivi che arricchiscono il web.

L’evento è promosso dall’Associazione l’Universita’ Cerca Lavoro, con il patrocinio ed il sostegno di diversi Ministeri, Regione Lazio, Enti pubblici e privati.

Le modalità di preselezione e selezione delle opere, improntate a criteri di originalità, efficacia del tema trattato e qualità tecnica, sono esposte nel bando di concorso. Verranno selezionate le opere che sapranno focalizzare e raccontare, tramite le immagini, “non il semplice racconto di una fragilità, ma l’essenza della diversità, sapendola soprattutto valorizzare e proteggendo le persone e che sappiano denunciare i luoghi dalla violenza e dalla marginalizzazione; che sappiano raccontare la vita delle persone sorde e le dinamiche di integrazione tra le persone e la qualità dei servizi sui territori; lo sviluppo sostenibile e i diciassette obiettivi dell’agenda 2030 dell’ONU; la vita delle persone disabili per incidenti sui luoghi di lavoro e la qualità dei servizi nei loro confronti o nei confronti delle loro famiglie; la fame nel mondo e le disuguaglianze economiche come limite nell’accesso ai beni primari per le persone; l’educazione civica in favore di una cultura che valorizzi la salute, la sicurezza, la prevenzione e il benessere del lavoratore; la valorizzazione dei luoghi e paesaggi italiani meta del turismo internazionale, utilizzando anche il racconto del viaggio”.

Nel corso delle precedenti edizioni, sono stati premiati opere di altissima qualità provenienti da diverse parti del mondo, in una kermesse che ha registrato un’affluenza e un favore sempre crescente da parte del pubblico.

Il Festival, inoltre, si caratterizza anche per una serie di iniziative collaterali quali l’organizzazione di spettacoli musicali, stage, seminari, masterclass, incontri tra esperti del settore e studenti che desiderano avvicinarsi al mondo del cinema, incontri con i registi e i cast delle opere, un momento di confronto diretto con i mestieri del cinema. spazi dedicati alla promozione del turismo e delle risorse del territorio.

Verranno anche realizzate tavole rotonde ed eventi paralleli con i rappresentati di enti e associazioni partner della manifestazione la cui mission sia in linea con gli obiettivi citati per contestualizzare e comprendere i temi sociali trattati invitando ai dibatti esponenti di Anmil – Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro, ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, ENS – Ente Nazionale Sordi onlus, Inail e Fondazione Univerde.

23/01/2024, 11:49