Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!Xš‚‰

KINDESWOHL - Il 20 gennaio al cinema Farnese


KINDESWOHL - Il 20 gennaio al cinema Farnese
Serata evento venerdì 20 gennaio ore 21:30 al cinema Farnese (Piazza Campo de’ Fiori 56 Roma) con l'anteprima di KINDESWOHL, il bene del bambino (Italia, 2022, 4K, 60’), scritto e diretto da FRANCO ANGELI, interpretato da LIVIA BONIFAZI, con Giovanni Guardiano, Mario Patanè.

Introdurrà il film Laura Delli Colli, saranno presenti in sala Livia Bonifazi, Marinella Colombo, gli avvocati che hanno seguito il suo caso Laura Cossar e Irene Margherita Gonnelli, il presidente del Nuovo Imaie Andrea Miccichè, il cast del film, i produttori Riccardo Brun, Paolo Rossetti, Francesco Siciliano e il regista Franco Angeli.

“KINDESWOHL, il bene del bambino” è un film di impegno civile frutto di anni d’inchiesta. E’ la ricostruzione vera e documentata della vicenda emblematica di Marinella Colombo.

Esiste un ente in Germania, lo Jugendamt, letteralmente amministrazione per la gioventù.Lo Jugendamt è di fatto un ente di sorveglianza e di controllo sulla famiglia e sui minori e fa in modo che i figli di coppie bi-nazionali che si separano, vengano sempre affidati al genitore tedesco, che nessuno di questi bambini lasci la Germania, che i diritti genitoriali non vengano mai dati al genitore straniero e che i contatti tra il genitore straniero e suo figlio siano resi sempre più difficili fino ad arrivare a cancellarli.

Cosa sei disposto a fare? Cosa sei disposto a rischiare per poter riabbracciare tuo figlio anche solo per un momento, dopo che ti è stato portato via? In una stanza nel carcere di San Vittore a Milano, si affrontano Marinella Colombo, accusata di aver rapito i suoi stessi figli, e il procuratore che ha l’obbiettivo di farsi dire dove li tiene nascosti. In quest’ultimo interrogatorio, Marinella ripercorre i suoi anni in balia del sistema tedesco e la sua battaglia contro lo Jugendamt che le ha sottratto i figli. Denunciando questo dramma inquietante e sorprendentemente diffuso, ancora vivo nel cuore dell’Europa.

Lo Jugendamt è stato più volte riconosciuto colpevole per aver violato i diritti fondamentali dell’uomo. E allora viene da domandarsi: come mai non ne sapevamo niente?

16/01/2023, 09:21