!X

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 17 - La Stranezza


Il film di Roberto And, presentato nella sezione Grand Public, mette in scena Luigi Pirandello alle prese con persone e personaggi. Nel cast Toni Servillo, Ficarra e Picone, Renato Carpentieri, Donatella Finocchiaro ma anche, sul palcoscenico di "Sei Personaggi...", Luigi Lo Cascio, Galatea Ranzi, Fausto Russo Alesi. Solo al cinema dal 28 ottobre distribuito da Medusa


FESTA DEL CINEMA DI ROMA 17 - La Stranezza
Servillo, Picone e Ficarra in "La Stranezza" di Roberto And
Continua (per fortuna) la linea del nostro cinema dedicata ai grandi scrittori. Dopo Leopardi e D'Annunzio, ma anche Dante e Boccaccio fino a Eduardo, arriva Luigi Pirandello, interpretato da un ottimo Toni Servillo, in una storia tutta siciliana, a parte il finale, che spazia tra realismo (o anche verismo, c' anche Verga interpretato da un grande Renato Carpentieri) e il mondo parallelo che si sviluppa nella mente dello scrittore, fino a portarlo alla messa in scena di "Sei Personaggi in cerca d'Autore".

Il rapporto tra la realt, spazio e tempo dove attingere personaggi e situazioni, e quello che si sviluppa nella mente di un autore il senso del film diretto da Roberto And. Comincia nel 1920 mostrando un Pirandello che non ha "smesso di prendere l'autobus", e sul treno che lo porta in Sicilia per la festa di Verga che si trasforma nel funerale della sua balia, guarda con gli occhi pieni di curiosit gli altri passeggeri, prendendo appunti con la mente e trasformando le persone in personaggi.

FICARRA E PICONE

I principali sono i due becchini del paese, Ficarra e Picone, amanti del teatro e gestori di una compagnia amatoriale che sta mettendo in scena un dramma che, all'opposto del viaggio dello scrittore, si trasforma in farsa. Pirandello ruba con gli occhi, alimentando una serie di domande sul senso della scrittura, sulla vita e sull'esistenza delle persone portate in scena, quei personaggi che una volta messi in pagina e gettati sul palcoscenico, chiuso il sipario, si ritrovano in una angosciante, irrisolvibile immortalit.

And ricostruisce bene l'ambiente e le situazioni dell'epoca, mostrando un Pirandello umano ma sempre riflessivo, assillato dall'esigenza di carpire novit e "stranezze" per il suo lavoro. Buoni i costumi, le scenografie e la fotografia, meno la colonna sonora stile Sicilia di Camilleri, troppo presente nel rimarcare delle sottigliezze che forse non arriverebbero, giustamente, a tutti.

20/10/2022, 19:20

Stefano Amadio