CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

FOREIGN OFFICE - "The Turning, La Casa del male"


Sarebbe stato in sala dal 30 ottobre l'horror diretto da Floria Sigismondi con Mackenzie Davis, Finn Wolfhard, Brooklyn Prince, Barbara Marten


FOREIGN OFFICE -
"The Turning, La Casa del male"
"The Turning", un classico Gotic Horror sulla casa infestata dai fantasmi, è basato sul romanzo che Henry James pubblicò nel 1898, "The Turning of the screw", il quale ebbe talmente tanto successo, che fu considerato da sempre, l’opera alla quale ispirarsi in caso di psico-dramma con fantasma. Un testo classico horror che in questo ultimo secolo è stato proposto sotto tutte le forme, da piece teatrale, a dramma radiofonico, da opera da camera a film cinematografico (The innocent con Deborah Kerr del 1961).

Insomma, un capolavoro del terrore che la regista Floria Sigismondi ha riadattato ambientandolo negli anni 90, con tanto di walkman e cuffie vintage, in una antica magione del Maine, la Fairchild Estate (girato in Irlanda nella Killruddery House nella contea di Wilcock) immersa in un parco immenso con un magico labirinto e un macabro laghetto. Ѐ importante risalire al testo originale per comprendere che la sceneggiatura non ha fatto altro che seguire le linee ben tracciate dall’autore dell’ottocento, volutamente lasciate in sospeso per far rimanere nel dubbio, giocando sulla trama che lascia in confusione il lettore: i fantasmi esistono veramente oppure sono solo frutto di una mente con patologie psichiatriche.

Kate (Mackenzie Davis), una maestra elementare bella e solare, viene incaricata di prendersi cura dell’educazione di una bambina Flora (Brooklyn Prince) rimasta orfana dopo la morte dei genitori. Incerta se lasciare la classe elementare dove insegna, per accettare questo incarico, alla fine decide che fare l’istitutrice sia la sua vera indole. Se dare un contributo per “fare la differenza” è il suo obiettivo, presto realizzerà che questa bambina è un caso molto particolare e che la casa in cui abita è, sfortunatamente, quello che sembra. La ferrea governante Mrs. Grove interpretata dalla bravissima Barbara Marten, la cui espressione facciale è tutto un programma, tiene rigidamente in mano, le redini di quello che resta della ricca famiglia dei proprietari della villa: i due figli Flora e Miles rimasti orfani dopo l’incidente di macchina dei genitori avvenuto subito fuori dal cancello di casa. La piccola Flora è stata testimone della loro morte ed è rimasta traumatizzata e per questo motivo non vuole più uscire dalla villa, temendo tutto ciò che c’è oltre il cancello. Suo fratello Miles (Finn Wolfhard, noto per la serie Stranger Things), appena espulso dal college per aver tentato di uccidere un suo compagno, si prende cura quasi morbosamente della sorellina, entrando subito in contrasto con Kate la nuova istitutrice, alla quale fa notare la sua posizione di dipendente. Con il passare dei giorni, lo stato ansiogeno della ragazza tocca livelli preoccupanti, in quanto Kate percepisce, in maniera molto traumatizzante, che delle presenze oscure abitano la casa, senza contare alcuni scherzi macabri che i due ragazzi organizzano per metterle paura. La ragazza si chiede che cosa ne sia stato della precedente istitutrice scomparsa nel nulla, soprattutto dopo aver ritrovato il suo diario, leggendo il quale ha la possibilità di ricostruire i suoi ultimi giorni di vita, constata come la poverina sia stata vessata dalle pesanti attenzioni dello stalliere, anche lui sparito subito dopo.

Che fine hanno fatto? Quale responsabilità hanno i ragazzi in tutto questo? Kate purtroppo subisce gli eventi, somatizzando in maniera preoccupante le visioni che la tormentano: potrebbe essere che fantasmi cattivi si siano impossessati degli abitanti della casa, oppure potrebbe essere tutto frutto di una psicosi, ereditata da sua madre ricoverata in manicomio? Nonostante tanti effetti speciali, il film non ci fa mai saltare dalla sedia, forse per ponderate scelte di regia, la sua parte gotic e vintage è più forte di quella horror e per questo motivo la paura passa in secondo piano. Prodotto da Vertigo Entertainment e distribuito da O1 Distribution, il film è un’esclusiva per l’Italia Leone Film Group.

28/10/2020, 08:53

Silvia Amadio