CINECITTŔ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

59467RASSEGNA DEL DOCUMENTARIO E DELLA COMUNICAZIONE
ARCHEOLOGICA X - I vincitori


59467RASSEGNA DEL DOCUMENTARIO E DELLA COMUNICAZIONE ARCHEOLOGICA X - I vincitori
Č stato il regista netino Francesco Di Martino con il film "Prima che arrivi l’estate" ad aggiudicarsi il Premio “Archeoclub d’Italia”, consegnato dal presidente dell’Archeoclub di Lentini, Giuseppe Cosentino, in occasione della serata conclusiva della X Rassegna del documentario e della comunicazione archeologica. L’opera č incentrata sulla figura di Italo, ex militante politico, ritiratosi a vivere quasi in solitudine a Saviore dell’Adamello, in Valcamonica, e sul suo insolito incontro con gli indiani d’America, con i quali intraprende, a distanza, un profondo viaggio spirituale comune, nell’attesa di un incontro fisico che coinciderŕ proprio con l’arrivo della stagione estiva.

Il Premio “ArcheoVisiva”, assegnato dalla giuria di qualitŕ, č stato conferito alla regista francese Vanessa Tubiana-Brun, per il suo film "Cosě parla Tāram-Kūbi, corrispondenze assire". Il documentario č dedicato alla riscoperta, in Anatolia centrale, delle tavolette di argilla che documentano la corrispondenza di una donna assira, Tāram-Kūbi, con il fratello e il marito, offrendo uno spaccato della storia dell’insediamento commerciale dell’antica cittŕ di Kaneš. A consegnare il premio č stato l’Assessore ai Beni Culturali del Comune di Licodia Eubea, Santo Cummaudo.

Durante la serata č stato attribuito anche il Premio “Antonino Di Vita”, consegnato a Carmelo Malacrino, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. Il premio č stato riconosciuto per aver fornito l’impulso decisivo alla rinascita di un museo per lungo tempo chiuso e quasi dimenticato, trasformando i reperti nell’oggetto di narrazioni espositive di grande efficacia, accessibili a ogni tipo di utenza grazie ad avanzate tecnologie digitali.

La cerimonia di premiazione ha chiuso il festival che nella giornata di domenica ha visto la proiezione degli ultimi due documentari in concorso, "La scuola di Atene. L’archeologia italiana nell’Egeo", di Eugenio Farioli Vecchioli; "Solo tra le rocce", di Arman Gholipour Dashtaki e otto cortometraggi fuori concorso dell’iniziativa promossa dall’Archeoclub d’Italia nell’ambito delle “Giornate Europee dell’Archeologia 2020”.

Un momento particolarmente atteso č stata la Finestra sul Documentario Siciliano, che ha avuto come protagonista la regista Alessia Scarso che si č confrontata con il pubblico in sala e quello che ha seguito l’evento in streaming, intervistata dal co-direttore artistico Alessandra Cilio. La regista di “Italo”, in anteprima ha parlato di un suo progetto documentaristico sulla emigrazione di Siciliani in Australia nel secondo dopoguerra. Dopo la conversazione, č stato proiettato il suo ultimo lavoro "Vasa Vasa", cortometraggio sulle celebrazioni della Pasqua a Modica.

Nonostante le restrizioni nella presenza del pubblico dal vivo, si č trattata di una eccellente edizione, grazie anche alla piattaforma Streamcult.it che ha registrato oltre 400 accessi al giorno. A conclusione dell’evento č stata annunciata anche l’XI edizione della Rassegna, in programma dal 14 al 17 ottobre 2021.

20/10/2020, 10:11